ABBRONZATURA - - tvgaderummet.info
Immagine
 Informazione medica libera per una salute senza condizionamenti... di Admin
Vogliamo creare uno strumento aperto a tutti che consenta a ognuno di noi, di qualunque estrazione sociale e grado d'istruzione, di qualunque tendenza politica e religiosa, di accedervi liberamente esprimendo le proprie considerazioni.

\\ Enciclopedia Medica : Articolo
ABBRONZATURA
Di medicina (del 29/06/2007 @ 12:02:42, in Lettera A, visto n. 1287 volte)


Tipica manifestazione dovuta all'esposizione della pelle alla luce del sole. Il colorito più o meno scuro della pelle è dovuto alla quantità di un pigmento, la melanina. Tale pigmento viene prodotto in particolari cellule dell'epidermide: i melanociti, situati tra le cellule dello strato basale. Questo pigmento inoltre si può reperire disseminato negli spazi intercellulari, dove perviene mediante numerosi prolungamenti del melanocita. Con lo stesso meccanismo la melanina viene portata nell'interno delle cellule basali attigue. Contrariamente a quanto si potrebbe credere, l'intensità della pigmentazione della pelle umana non dipende dal numero dei melanociti presenti; la pelle del bianco e quella del negro contengono infatti all'incirca lo stesso numero di melanociti. Nel negro, però, queste cellule hanno un'attività funzionale notevolmente più elevata che nel bianco. Negli individui di colore, inoltre, la melanina è presente in cospicua quantità anche nello strato più superficiale dell'epidermide, lo strato corneo, mentre nel bianco tale strato è privo o quasi di pigmento, salvo che nelle sedi più intensamente esposte alla luce (viso, collo, mani). L'esposizione eccessiva ai raggi del sole può provocare danni all'organismo (eritema da calore, colpo di sole, shock). Per prevenire tali effetti dannosi si possono applicare sulla pelle esposta creme, unguenti, olii o lozioni. Queste sostanze assorbono i raggi ultravioletti della luce solare, diminuendo così le conseguenze deleterie di una esposizione troppo prolungata ai raggi del sole. L'abbronzatura artificiale, tramite lampade al quarzo tanto di moda oggi, anche se permette di ottenere un'abbronzatura precoce, tuttavia comporta degli inconvenienti legati spesso all'esposizione eccessiva e non graduale ai raggi. Infatti l'assorbimento di alte dosi di raggi ultravioletti in poco tempo, provoca un invecchiamento precoce della pelle e spesso eritemi fastidiosi. Inoltre pare che l'eccessiva esposizione ai raggi del sole possa determinare delle vere e proprie forme di cancro della pelle. Ciò pare possa accadere in pelli normali, ma, a maggior ragione, bisogna usare prudenza in pelli ritenute, dermatologicamente parlando, portate a neoformazioni tumorali. Per questo tipo di pelli è sempre sconsigliata qualsiasi esposizione al sole. Si è constatato che nel continente africano e in quello australiano gli uomini e le donne di razza bianca che hanno capelli ed occhi chiari e che si espongono abitualmente per lungo tempo al sole vanno più frequentemente incontro a forme di tumori cutanei. Per poter trarre quindi dall'esposizione solare solo benefici vantaggi, basta ricordare e seguire alcune norme pratiche di comportamento molto semplici. Bisogna evitare di prendere il sole nelle ore più calde e cioè a mezzogiorno o a l'una del pomeriggio, come molti hanno la tendenza a fare. Il sole in questo momento della giornata è allo Zenit e la fascia di ozono che circonda la Terra riesce ad assorbire una minore quantità di raggi ultravioletti. Inoltre bisogna tener presente che in montagna, per la maggior altitudine, l'azione filtrante dell'atmosfera è generalmente inferiore e così una eccessiva esposizione al sole può risultare più dannosa. L'esposizione deve essere graduale, iniziando da 5-10 minuti nelle ore meno calde della giornata e aumentando di poco ogni giorno, così da dare tempo alla pelle di mettere in funzione tempestivamente e bene i suoi meccanismi di difesa; questi talora funzionano poco e talora molto male nei soggetti biondi a pelle chiara e soprattutto ad occhi chiari. Ecco perché in questi soggetti e generalmente in tutti gli individui, nei primi giorni di esposizione solare, si consiglia di venire incontro ai poteri naturali di difesa mediante l'applicazione sulla pelle, prima dell'esposizione, di preparati (lozioni, creme, unguenti) contenenti composti chimici ben individuati, che hanno il potere di funzionare da filtro nei riguardi delle radiazioni dello spettro solare più eritematogene e dannose. Tali prodotti nella maggioranza contengono sostanze che assorbono i raggi ultravioletti, come l'acido para-amino-benzoico o i suoi esteri, sali di sodio e di potassio, i benzo-fenoni, i derivati benzil-fenil-metil dell'acido p-antranilico, il benzil salicilato, i pironi (acido cinnamico, esculina, esculetina), la guanina e altri ancora. Altre sostanze rappresentano invece materiali opachi alla luce che bloccano, o riflettono, o diffondono la luce stessa, come il biossido di titanio, il talco, l'ossido di zinco.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Commenti
Inserire solo modifiche al testo citato. Per le domande ai medici
Nessun commento trovato.

Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.



Titolo



Titolo



Titolo


http://medicaments-24.net

danabol-in.com

У нашей организации интересный web-сайт со статьями про Камагра Polo.