Nuovo esame del sangue per il fegato grasso

Il test si basa sul dosaggio della neurotensina

Varie_11399C.jpg
Keywords | fegato, grasso, sangue,

La Neurotensina (NT) è un piccolo peptide che viene prodotto da specifiche cellule intestinali in risposta all’ingestione di grassi alimentari per facilitarne l’assorbimento.
Diversi studi epidemiologici hanno dimostrato un’associazione diretta tra elevati livelli di NT nel sangue e aumento dell’incidenza di malattie cardiovascolari, diabete mellito di tipo 2, cancro al seno e aumento della mortalità cardiovascolare e per tutte le cause. Studi su modelli animali hanno inoltre dimostrato che i topi privati sperimentalmente del gene della NT, quando esposti ad una dieta ricca di grassi, ne assorbono di meno e sono dunque protetti dallo sviluppare obesità, dall’accumulo patologico di grasso nel fegato (la cosiddetta steatosi e steatoepatite epatica, NAFLD e NASH) e non presentano infiammazione del tessuto adiposo, condizione a sua volta in grado di causare steatosi epatica.
“Visto che non ci sono finora prove nell’uomo sul coinvolgimento della NT nelle malattie da eccesso di grasso nel fegato – spiega la dottoressa Ilaria Barchetta, Università ‘La Sapienza’ di Italy – con questo studio abbiamo indagato la correlazione tra i livelli ematici di pro-NT (il frammento della NT dosabile nel sangue) e la presenza e severità di NAFLD e NASH in una popolazione adulta; abbiamo inoltre esplorato quali siano i fattori associati ad aumento delle concentrazioni di pro-NT nel sangue”. Questo studio è stato effettuato su 320 soggetti, di entrambi i sessi ed età media di circa 50 anni, afferenti presso il Centro di Diabetologia dell’Università Sapienza di Italy per eseguire valutazioni metaboliche. Nell’ambito di questa popolazione, 60 soggetti sono stati sottoposti a chirurgia bariatrica, in quanto affetti da obesità patologica e, nel corso dell’intervento, sono state effettuate biopsie epatiche per la diagnosi di steatosi epatica; 40 di questi pazienti sono stati sottoposti anche a biopsia del grasso addominale per esplorare la presenza di infiammazione del tessuto adiposo. Nei 260 partecipanti allo studio che non avevano indicazione alla chirurgia bariatrica, la presenza di steatosi epatica è stata indagata mediante ecografia addominale. I livelli circolanti di pro-NT sono stati dosati con metodo di chemioluminescenza, in collaborazione dell’Università svedese di Lund, che da tempo studia il ruolo di questa proteina in ambito cardiovascolare e oncologico.
“Il nostro studio ha dimostrato – rivela la dottoressa Barchetta - che i livelli ematici di pro-NT sono significativamente più alti nei pazienti affetti da NAFLD rispetto a quelli dei soggetti senza steatosi epatica. Inoltre, alte concentrazioni ematiche di pro-NT si associano ad una maggiore gravità della steatosi epatica ed al riscontro di steatoepatite alla biopsia del fegato”. Elevati livelli di pro-NT sono stati trovati nei soggetti più anziani, nelle femmine, nei pazienti insulino-resistenti e con diabete mellito di tipo 2, in presenza di infiammazione del grasso addominale. Le analisi statistiche hanno dimostrato che la correlazione tra maggiori livelli circolanti di pro-NT e il riscontro di NAFLD e NASH è indipendente da possibili fattori di confondimento come il sesso, l’età e la presenza di diabete e sindrome metabolica.
In conclusione, elevati livelli circolanti di pro-NT permettono di identificare la presenza e la severità di malattie da accumulo epatico di grasso come la NAFLD e la NASH e inoltre si associano alla presenza di fenomeni infiammatori a carico del grasso addominale. La NT, favorendo l’assorbimento dei grassi alimentari, potrebbe da un lato promuovere il deposito di grasso direttamente nel fegato e lo sviluppo di fenomeni infiammatori epatici; dall’altro, indurre insulino-resistenza nell’organismo e lo sviluppo di malattie metaboliche correlate come il diabete di tipo 2.
I risultati di questo studio dimostrano che il dosaggio ematico della pro-NT è in grado di identificare la presenza di steatosi epatica e steatoepatite, condizioni patologiche severe e associate ad aumento della mortalità cardiovascolare. La misurazione della pro-NT permetterebbe pertanto di adottare strategie di stratificazione nel rischio cardiovascolare più accurate nella popolazione generale, e più in particolare tra gli individui affetti da malattie metaboliche e diabete di tipo 2, che per definizione sono ad alto rischio cardiovascolare. Finora era noto che la NT fosse in grado di predire a lungo termine lo sviluppo di obesità e diabete di tipo 2 ma non si era a conoscenza di una possibile associazione tra questa proteina e la presenza di malattie del fegato associate ad aumentata mortalità cardiovascolare come la NAFLD e la NASH. Questo studio ha dimostrato per la prima volta nell’uomo l’esistenza di una correlazione tra pro-NT e NAFLD/NASH, già osservata nei modelli animali, e ha evidenziato una nuova associazione tra NT e presenza di infiammazione del grasso addominale, condizione identificata solamente negli ultimi anni e che riscuote notevole interesse nel campo della ricerca in quanto potenziale causa di diabete di tipo 2, steatosi epatica e, in genere, di malattie metaboliche associate all’obesità.
“Attraverso questo studio – commenta la professoressa Maria Gisella Cavallo, Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università Sapienza, Italy - abbiamo individuato nella neurotensina un nuovo importante biomarcatore di steatosi epatica e steatoepatite. Per i suoi effetti sull’assorbimento dei grassi è possibile ipotizzare un ruolo della neurotensina nei meccanismi di accumulo del grasso epatico e la possibilità, attraverso la sua modulazione, di prevenire o curare questa condizione”.


Andrea Sperelli
08/10/2018



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  103796
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ogni malattia ha il suo odore  40322
Alito, sudore e urine indicano la presenza o meno di patologie

Come superare la depressione post separazione  38550
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Parto prematuro, come ridurne di un terzo i casi  38371
Presentate le nuove indicazioni terapeutiche

Dapoxetina contro l’eiaculazione precoce  37095
Il primo e unico farmaco orale contro una delle più comuni disfunzioni sessuali

Gonartrosi, cos'è e come si cura  36821
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.