Il giusto riposo

Fondamentale dormire il numero di ore adeguato

Varie_12810C.jpg
Keywords | cervello, sonno, cellule,

La salute dipende anche da quanto dormiamo. Uno studio pubblicato sul Journal of the American Geriatrics Society segnala la necessità di dormire il numero giusto di ore per evitare un rischio di demenza e di morte prematura.
L’analisi ha coinvolto 1.517 soggetti seguiti per 10 anni: 294 hanno sviluppato una forma di demenza e 292 sono morti. Dopo aver tenuto conto di altri fattori come l’età, il genere, è emerso che il tasso di mortalità e di demenza è maggiore se il soggetto dorme meno di 5 o più di 10 ore al giorno.
I ricercatori hanno anche scoperto che l’attività fisica riesce a contrastare l’effetto negativo della mancanza di sonno. "Dato l'effetto benefico dell'attività fisica sui problemi legati al poco sonno, questi risultati indicano che non solo fare attenzione alla durata del sonno, ma anche modificare lo stile di vita può costituire una strategia efficace per prevenire demenza e morte prematura negli anziani", concludono gli autori.
Un’altra ricerca sottolinea la pericolosità della mancanza di riposo. Il cervello, infatti, è pronto ad autodistruggersi nei soggetti che subiscono una carenza cronica di sonno. Lo dimostra uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience da Michele Bellesi dell’Università Politecnica delle Marche.
Il ricercatore italiano, in collaborazione con i colleghi dell’Università del Wisconsin, ha certificato - nello stato di privazione del sonno - la condizione di iperattività delle cellule normalmente deputate alla pulizia degli scarti cerebrali. In altre parole, le cellule cerebrali diventano troppo efficienti e cominciano a eliminare anche ciò che non dovrebbero.
Per arrivare a tale conclusione, lo scienziato italiano ha messo a confronto il cervello di topi da laboratorio in tre condizioni differenti: nel primo caso potevano dormire a piacimento, nel secondo i ratti rimanevano svegli per 8 ore in più rispetto al normale, infine nel terzo caso le cavie erano costrette a non riposare per 5 giorni di fila, simulando quindi una condizione di carenza cronica di sonno.
Gli effetti erano visibili in specifiche aree del cervello. Le cellule della glia sono responsabili della manutenzione dell’ambiente cellulare neurale. Una parte di esse, gli astrociti, si incarica di tagliare le sinapsi non più necessarie dando nuova forma alle connessioni neurali. Altre cellule, quelle della microglia, vanno alla ricerca dei neuroni danneggiati, di placche e di agenti infettivi da eliminare.
In condizioni di normalità, gli astrociti apparivano attivi nel 6 per cento delle sinapsi, mentre nei topi privati di 8 ore di sonno la percentuale saliva all’8%. Tuttavia, nel terzo gruppo gli astrociti attivati erano il 13,5 per cento.
Lo stesso fenomeno è stato riscontrato fra le cellule della microglia. In questo caso, l’iperattività cellulare sembra più preoccupante, perché un’attivazione del genere è stata verificata anche in malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Ciò spiegherebbe il motivo per cui chi è affetto da carenza cronica di sonno mostri anche maggiori probabilità di sviluppare forme di demenza.


Andrea Piccoli
11/06/2018



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  69274
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ogni malattia ha il suo odore  30719
Alito, sudore e urine indicano la presenza o meno di patologie

Come superare la depressione post separazione  30423
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Dapoxetina contro l’eiaculazione precoce  30231
Il primo e unico farmaco orale contro una delle più comuni disfunzioni sessuali

Il cioccolato fondente contro il cancro del pancreas  29439
Il magnesio che contiene aiuterebbe a prevenirne la formazione

Gonartrosi, cos'è e come si cura  29406
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.

dekorde.com

Нашел в интернете популярный портал на тематику Станозолол.