Diabete, qual è il tipo giusto?

A volte la diagnosi è difficile e possono esserci degli errori

Diabete_10347C.jpg
Keywords | diabete, diagnosi, insulina,

Il primo ministro britannico Theresa May è affetta da diabete di tipo 1, ma per almeno un anno è stata curata come se avesse il diabete di tipo 2. Il suo non è un caso isolato.
Se è vero che la prima forma di diabete si manifesta nella maggior parte dei casi sin dall’infanzia, è altrettanto vero che in molti casi ciò non avviene e i sintomi possono confondere a tal punto i medici da costringerli a scambiare le due forme.
A evidenziare questo tipo di errore è uno studio dell’Università di Exeter pubblicato su Lancet Diabetes & Endocrinology. La ricerca si è basata sui dati relativi a 380mila persone che facevano parte del database Biobank.
Le informazioni indicano che nel 42% dei casi le persone con diabete di tipo 1 sono state diagnosticate dopo i 30 anni. Ciò avviene perché è molto difficile riconoscere e diagnosticare il diabete di tipo 1 negli adulti. Dal momento che il 96% dei casi di diabete fra i 31 e i 60 anni è del tipo 2, i medici danno per scontato che si tratti di quello, ma quando di rendono conto che i farmaci per il controllo della glicemia non funzionano, capiscono il loro errore. Un altro indizio è dato dal fatto che spesso i pazienti con la prima forma di diabete sono magri, mentre quelli con il tipo 2 sono spesso in sovrappeso o addirittura obesi.
Sono molti i casi di persone ricoverate d’urgenza con chetoacidosi diabetica, condizione potenzialmente fatale che si sviluppa quando non si riceve insulina. I ricercatori stanno quindi lavorando a un test genetico che permetta di stabilire con facilità e sicurezza di che forma di diabete è affetto il paziente.



Andrea Sperelli
04/12/2017



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  22008
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ipertensione da pre-eclampsia e monitoraggio ambulatoriale  20439
Necessario per la corretta valutazione della pressione arteriosa

Nuovo tipo di stimolazione cerebrale per il Parkinson  19944
Si chiama aDBS, stimolazione cerebrale profonda adattativa

Apalutamide, nuova opzione per il cancro della prostata  19939
Rischio di metastasi e mortalità ridotto sensibilmente

Epilessia, cosa fare di fronte a una crisi  19896
I comportamenti da osservare e quelli da evitare

Mappato il genoma dei tumori epiteliali del timo  19804
Progresso essenziale per la messa a punto di terapie efficaci

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicit su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante