Laringite, le 5 cose da sapere

Una delle cause più frequenti di accesso al Pronto soccorso

Infezioni_14279C.jpg
Keywords | laringite, bambini, gola,

La laringite colpisce tanti bambini durante l’inverno, spingendo spesso i genitori a rivolgersi al Pronto soccorso. Ma di che si tratta esattamente?

1) CHE COS'È?
È una patologia respiratoria prevalente in inverno (2-3% dei bambini) secondaria ad infezioni virali, maggiormente virus parainfluenzali e virus respiratorio sinciziale.
Frequente causa di accesso in Pronto Soccorso, prevale tra i 6 mesi e i 3 anni di vita, con un picco nel secondo anno.
2) COME SI MANIFESTA?
Dopo 2-3 giorni di incubazione, l'esordio è improvviso, raramente più graduale. La sintomatologia è causata da un rigonfiamento (edema) della mucosa del laringe e delle corde vocali con significativa riduzione dello spazio aereo.
La tosse è tipicamente somigliante al verso della foca o di un cane che abbaia. Si associano raucedine, pianto afono, stridore, rientramenti inspiratori, irrequietezza. La febbre è di solito non alta. Nelle forme più gravi, per cattiva ossigenazione, compare una colorazione bluastra (cianosi) intorno alla bocca e alle estremità degli arti, con conseguente senso di forte stanchezza.
3) COSA PUÃ’ CAUSARE?
La laringite è la causa più frequente di stridore laringeo, che deve essere differenziato da altre patologie: reflusso gastroesofageo, laringomalacia congenita, malformazioni vascolari congenite, anelli vascolari, corpo estraneo, epiglottite, laringotracheite batterica, ascesso peritonsillare, allergie.
4) CHE COSA FARE?
Tranquillizzare il bambino e prediligere la posizione seduta per ottimizzare la ventilazione. Eseguire una visita medica in caso di primo episodio o solo parziale risposta alla terapia o se si associa difficoltà respiratoria.
Il farmaco di prima scelta è lo steroide per via orale o inalatoria. In assenza di risposta, in Pronto Soccorso, può essere utilizzata l'adrenalina. Sconsigliata l'umidificazione perché non è dimostrata l'efficacia, nonché gli antibiotici perché è una malattia di origine virale.
5) QUANDO SERVE IL RICOVERO?
L'evoluzione è solitamente favorevole, con rapida guarigione in 2-3 giorni, ma può recidivare in bambini "predisposti". Nei casi in cui non si osservi adeguata risposta ai farmaci o persistano dubbi diagnostici, può essere considerato un breve ricovero per osservazione.


Andrea Sperelli
03/01/2019



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  40769
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Sciroppo e sprite, la nuova droga si chiama Purple Drank  37041
Noto anche come Sizzurp, il miscuglio assicura lo sballo a prezzi modici

Mieloma multiplo, disponibile ixazomib  33942
Primo e unico inibitore orale del proteasoma

Arriva la super pelle  33221
L’epidermide hi-tech restituisce la sensibilità perduta

Pensieri e parole  32902
Un sistema in grado di leggere nel pensiero

Cancro del colon, nuova combinazione efficace  31146
Studio di fase III su pazienti con mutazione Braf

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.