Tumori, meglio la terapia sottocute

Stessi effetti e migliore qualitĂ  della vita

Tumori_14180C.jpg
Keywords | tumori, chemioterapia, sottocute,

La somministrazione dei farmaci chemioterapici sottocute è un’alternativa preferibile alle iniezioni endovena. Lo dice uno studio dell’ALTEMS, l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Italy.
Il passaggio dall’endovena alle iniezioni sottocute si traduce in termini temporali in un vantaggio considerevole. Si passa infatti da un’ora e mezza a 5 minuti, con gli effetti presumibili riguardo alla qualità di vita del paziente, ma non solo.
Si accorciano anche i tempi di attesa in ospedale e si risparmiano risorse che possono essere reinvestite altrove.
La via di somministrazione endovenosa necessita peraltro della presenza di un accompagnatore e comporta il rallentamento del ritmo lavorativo dello staff medico.
Alessandra Cassano, Dirigente Medico UOC di Oncologia Medica presso la Fondazione Policlinico Universitario “A. Gemelli” di Italy, commenta: «Da oncologa e da donna ritengo che poter offrire alle pazienti una soluzione di cura che permette loro di conciliare il momento della terapie con l’attività lavorativa e la routine quotidiana sia un valore clinico e sociale cui possiamo e dobbiamo tendere tutti».
«Quello che cambia in modo clamoroso – spiega Vito Antonio Delvino, Direttore Generale Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” IRCCS di Bari - è il tempo che impiegano gli operatori sanitari a preparare il farmaco prima e ad assistere il paziente poi. Una somministrazione sottocutanea che dura 5 minuti si traduce in 5 ore in meno di lavoro per infermieri, medici e farmacisti per ciascuno paziente, tempo che può essere dedicato all’ottimizzazione delle risorse».
Stando ai risultati della ricerca, l’adozione della terapia sottocute porterebbe a un risparmio di oltre 60 milioni di euro.
«Il cambiamento delle vie di somministrazione degli anticorpi monoclonali - spiega Americo Cicchetti, Direttore ALTEMS – non modifica i livelli di efficacia e sicurezza già molto elevati in questi farmaci ma il passaggio dalla somministrazione endovena a quella sottocute rappresenta una vera e propria rivoluzione sotto il profilo organizzativo e riduce i costi dell’assistenza. Ma a beneficiare di più sono proprio i pazienti con un significativo miglioramento della loro qualità di vita».


Andrea Sperelli
05/12/2017



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  22008
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ipertensione da pre-eclampsia e monitoraggio ambulatoriale  20439
Necessario per la corretta valutazione della pressione arteriosa

Nuovo tipo di stimolazione cerebrale per il Parkinson  19944
Si chiama aDBS, stimolazione cerebrale profonda adattativa

Apalutamide, nuova opzione per il cancro della prostata  19939
Rischio di metastasi e mortalitĂ  ridotto sensibilmente

Epilessia, cosa fare di fronte a una crisi  19896
I comportamenti da osservare e quelli da evitare

Mappato il genoma dei tumori epiteliali del timo  19804
Progresso essenziale per la messa a punto di terapie efficaci

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicitŕ su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante