Un farmaco per il tumore al seno metastatico

Nuove speranze per le donne con un cancro in stadio avanzato

Tumore%20mammario_10485C.jpg
Keywords | palpociclib, seno, tumore,

Anche le donne alle prese con un cancro al seno metastatico possono continuare a sperare. Arriva in Italia Palpociclib, primo farmaco altamente innovativo ed efficace approvato negli ultimi 10 anni per il trattamento del tumore al seno metastatico o localmente avanzato Hr+/Her2- (positivo al recettore ormonale e negativo al recettore di tipo 2 del fattore di crescita epidermico umano).
Il farmaco, prodotto da Pfizer, rallenta la progressione del carcinoma mammario avanzato sensibile agli ormoni femminili, riducendo il rischio di ripresa della malattia e migliorando le condizioni generali.
Angelo Di Leo, Direttore Oncologia Medica, Nuovo Ospedale di Prato S. Stefano, Azienda USL Toscana Centro, Prato, spiega: “Non va usato solo in prima battuta, cioè quando si fa la diagnosi. Palbociclib è indicato sia per le pazienti metastatiche che non hanno ancora ricevuto nessuna terapia, sia per quelle con tumore metastatico ormono-sensibile che possono aver ricevuto altre cure, perché una delle caratteristiche di questo tipo di tumore è che sa come organizzarsi per rendere inoffensive le terapie e quindi è necessario cambiare continuamente farmaco”.
In fase di sperimentazione, il farmaco ha dimostrato la propria efficacia in associazione a un inibitore dell’aromatasi e a fulvestrant in donne che hanno ricevuto una terapia endocrina precedente.
“Negli studi registrativi Paloma – prosegue Di Leo - l’associazione di palbociclib a fulvestrant ha raddoppiato la sopravvivenza senza progressione di malattia”.
Palbociclib è un inibitore selettivo delle CDK 4 e 6, attivo per via orale. CDK 4 e CDK 6 sono due chinasi strettamente correlate che regolano il ciclo cellulare, permettendo il passaggio delle cellule tumorali dalla fase G1 alla fase S, passo necessario per la replicazione del DNA e la divisione cellulare.
L’inibizione di CDK 4 e CDK 6 ha già dimostrato di impedire la disattivazione della proteina di suscettibilità al retinoblastoma, un oncosoppressore, e di interferire con la progressione delle cellule tumorali. Negli studi preclinici, inoltre, questo agente ha dimostrato di essere un inibitore della crescita cellulare e un soppressore della replicazione del DNA, impedendo alle cellule di entrare in fase S.
Palpociclib viene testato attualmente su una serie di tumori, ma il suo sviluppo originario riguarda appunto il tumore della mammella ER positivo e l'HER2 negativo.


Andrea Sperelli
08/02/2018



Condividi la notizia Invia ad un amico Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  21671
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Ipertensione da pre-eclampsia e monitoraggio ambulatoriale  20333
Necessario per la corretta valutazione della pressione arteriosa

Nuovo tipo di stimolazione cerebrale per il Parkinson  19835
Si chiama aDBS, stimolazione cerebrale profonda adattativa

Apalutamide, nuova opzione per il cancro della prostata  19832
Rischio di metastasi e mortalità ridotto sensibilmente

Epilessia, cosa fare di fronte a una crisi  19783
I comportamenti da osservare e quelli da evitare

Mappato il genoma dei tumori epiteliali del timo  19704
Progresso essenziale per la messa a punto di terapie efficaci

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante