Il portale della salute
Ricerca Notizie
    Ricerca Farmaco

Torna alla Home page

Le ultime notizie di salute e medicina l quotidiano per il tuo benessere, estetica, sessualità, diete, fitness Gli approfondimenti sulla salute, i sintomi, le malattie, primo soccorso I medici a tua disposizione,  analisi a casa tua, ecografia, gli ospedali Il forum di Italiasalute.it La tua para farmacia online prezzi scontatissimi !! Condizioni di vendita e informazioni, anche tel. 06 33.33.437
Ortopedico mail

 


Sconto 25%


PAPAYA FERMENTATA BODY SPRING 30 BUSTINE


€. 32,90

€. 24,68

Cerca un
prodotto

 

 
Cerca
Notizie

Nel web:

Newsletter

Iscriviti!

 

 

 

ORTOPEDICO MAIL

D: Buonasera dottore, Le scrivo per mia mamma. Ha 52 anni ed è in menopausa da circa 10 anni. Ha utilizzato per circa 8 anni i famosi "cerotti" che ora però le hanno fatto interrompere. E' alta cm. 166 e pesa kg. 66. Fa poca attività fisica (nuoto una volta alla settimana) e mangia regolarmente.
Ha sempre sofferto di mal di schiena. I dolori sono più forti al mattino al risveglio, poi col passare delle ore ed il movimento, piano piano si riprende. Il problema è che ultimamente quando si siede fa moltissima fatica ad alzarsi e specialmente a raddrizzarsi. Lamenta dolore.
Qualche anno fa ha avuto dei problemi anche alle braccia (infarti ossei) che spesso risultano indolenzite.
Visivamente è un pò curva con una spalla più bassa dell'altra.
Dalla radiografia - RACHIDE IN TOTO - è emerso quanto segue:
"L'indagine mostra atteggiamento scoliotico sinistro-convesso dorso-lombare con marcata rotazione omologa dei metameri con curva di compenso cervico-dorsale con accentuazione sia della cifosi fisiologica dorsale che della lordosi cervicale con inversione della lordosi lombare. Sono presenti spiccate manifestazioni spondiloartrosiche rappresentate da deformazioni degli spigoli somatici con apposizioni osteofitarie marginali con riduzione degli spazi intersomatici, reperto che appare più evidente a livello di L1 e L2.
Il tenore calcico appare diffusamente ridotto senza tuttavia lesioni strutturali focali e senza evidenti attuali segni di cedimenti delle limitanti somatiche su base osteomalacica".
Ha consultato più di un medico, ma la risposta è sempre stata quella che, vista la situazione, è meglio non fare nulla perchè se interveniamo in un campo, ne danneggiamo un altro. Io non sono un medico, ma non mi sembra giusto rispondere così ad una giovane donna.
Porgendole cordiali saluti, anticipatamente La ringrazio moltissimo per l'attenzione e il tempo dedicato.

R: Gentile Signora,
Consiglierei per sua madre di iniziare un ciclo di ginnastica medica e vedere i risultati che si ottengono.
Consiglierei inoltre di eseguire una M.O.C. per prescrivere una terapia per l'osteoporosi.
Rimango in attesa di ulteriori notizie riguardanti i risultati di questi due consigli.


D: Buonasera, ho 34 anni, peso 90kg e sono alto 1.82..faccio un lavoro da diversi anni faticoso, magazziniere e trasporto sia a mano sia con aiusilio di muletti elettrici cartoni pesanti e ingombranti. Ho due ernie una del disco e una inguinale più una infiammazione del nervo sciatico.
L'azienda per la quale lavoro mi ha fornito delle scarpe antinfortunistica con la suola di metallo che ricopre buona parte della zona superiore del piede. Ora da quando uso tali scarpe accuso un indolenzimento generale del piede ed in particolare riferito ad entrambi i piedi, un forte dolore nella parte esterna cioè a partire dal mignolo fino al dito medio, dolore spesso forte ed intenso ma che dura pochi secondi, ma ripeto intenso tale da farmi fermare anche se sto guidando.
Vorrei sapere se ci sono eventuali terapie da fare o visite e se nel frattempo posso mettere qualche pomata tipo lasonil o simili.
Grazie e distinti saluti

R: Gentile signore,
le consiglierei di sottoporsi ad una ecografia dell'avampiede per sospetto neuroma di Morton,quindi centrata a livello del III spazio intermetatarsale.
Eviti inutili pomate.
Rimango in attesa di ulteriori notizie circa l'esito dell'ecografia.

D: Mio marito,68 anni soffre da parecchi anni di dolori artrosici.Ho letto su internet di notevoli benefici alle cartilagini in seguito all'assunzione di glucosamina e controitina. Desidererei il suo autorevole parere,sapere in quali medicinali si trovano,in che dosi prenderli e se ci sono controindicazioni per i sofferenti di disturbi cardiaci (angina).

R: Gentile signora,
le suddette sostanze sono efficaci, in un'età più precoce, nel prevenire l'artrosi o nel cercare di evitare il suo aggravamento.
Nel caso di suo mariti i benefici dovrebbero essere inferiori.
Distinti saluti

D: Egregio dott. Filippo Corsi,
In data 28 dicembre 2000 sono caduta in casa ed ho riportato una frattura composta all'omero destro.
L'ortopedico che mi ha visitata mi ha prescritto l'ingessatura o un adeguato immobilizzatore (il presidio ortopedico che mi ha consigliato è stato il mod. M.8501 della RO+TEN). Io ho preferito per l'immobilizzatore che mi è stato messo da un Centro di Ortopedia.
Attualmente lo porto, ma ho alcune sensazioni dolorose per le quali porgo le domande che seguono:
- Al risveglio, al mattino, ho dei crampi al braccio e, solo dopo un po' di tempo e con molta fatica, mi passano. E' un fatto normale?
- Durante il giorno sento delle fitte al braccio e dei forti dolori in tutta la spalla fino alla scapola interessata. Anche qui mi chiedo se è la fase normale del decorso in quanto ho il braccio immobilizzato.
- A fine mese dovrò tornare dal dottore per vedere come stanno le cose. Sarò, presumibilmente, libera da questo ingombro o le cose sono destinate ad andare per le lunghe.
.....


Ho tolto l'immobilizzatore ed ho iniziato la fisioterapia:
- Kinesi;
- Magneto;
- Ultrasuoni.

Accuso dolore a tutto il braccio durante la Kinesi, durante la giornata e specialmente durante la notte. Mi sorgono le seguenti domande alle quali gradirei una Vostra risposta:

1) Il forte dolore è dovuto alla Kinesiterapia o è naturale averlo perchè ho indossato l'immobilizzatore per 40 giorni?
2) Acquisterò la totale mobilità del braccio solamente grazie alla fisioterapia o ciò avverrà, anche, naturalmente, col tempo grazie ai movimenti spontanei ed obbligatori dei lavori casalinghi?

R: direi che è molto frequente la comparsa di dolori alla spalla o al gomito di un arto immobilizzato.
Inoltre in caso di frattura composta sarei ottimista per un decorso della malattia assolutamente regolare.
....

Gentile signora,
1) E' molto frequente che la riabilitazione dell'arto superiore dopo immobilizzazione possa causare dolori che però, passando il tempo, devono andare a diminuire.
2) La fisioterapia permette un recupero più o meno totale che si completa comunque con i lavori quotidiani.

D: Ho 36 anni, da due mesi è presente un gonfiore al mio piede sx. Non ho subito traumi, ne tantomeno distorsioni.
Non ho nessun tipo di dolore, unico sintomo, oltre al gonfiore, è un senso di stiramento quando allungo le dita del piede verso il basso. Sono stata sottoposta a RX con risultato negativo, idem per eco tendini muscoli.
Sono stata in cura con vari medicinali per distorsioni, infiammazioni. Ora i medici sospettano che il gonfiore sia dovuto ad un problema circolatorio, ma da 10 gg sono in cura con Arvenum 500 senza nessun tipo di risultato. Circa 10 anni fa mi hanno sottoposto a doppler nel quale hanno riscontrato una lieve insufficienza venosa safena dx.
Può essere dovuto ad una sollecitazione errata di una scarpa?
Può essere dovuto ad un problema di bacino, il quale mi compromette l'appoggio del piede?
Vorrei capire cosa è successo.
Il mio problema non è tempo di guarigione, ma l'aspettare passivamente peggiorando la situazione.
Sperando vivamente in un Vs aiuto, in quanto sin d'ora tante ipotesi, ma nessun risultato porgo distinti saluti.

R: Gentile signora,
Le consiglierei di ripetere una ecografia di controllo ,(per esempio a distanza di un mese,un mese e mezzo dalla precedente), dei tendini esteriori del piede.
Naturalmante consideri che non l'ho visitata e quindi non posso essere sicuro del mio consiglio.

D: Egr. Dr Corsi,
desidererei avere la sua opinione circa la terapia riguardante la rottura del tendine di uno dei muscoli della cuffia dei rotatori della spalla. Si tratta, di preciso, della lesione totale del tendine del sovraspinato e parziale del tendine dell'infraspinato, entrambi della spalla destra.
Secondo Lei l'intervento chirurgico è l'unica soluzione (e, in tal caso, con che possibilità di ripresa della funzionalità dell'arto?) oppure consiglia di provare prima con della ginnastica (e, in tal caso, di che tipo e per quanto tempo?)?

La ringrazio molto per la Sua cortese risposta e Le invio i miei più cordiali saluti

R: Gentile signore,
la lesione di cui lei parla è senz,altro chirurgica, in particolare per la invalidità che provocherebbe alla sua spalla.

D: Buondì
Cortsemente vorrei chierderLe un consulto sulla situazione clinica di mia mamma sofferente di osteoporosi avanzata.
All'età di 30 anni dopo avermi partorito (lei è del 1948), a causa di una peritonite le sono state asportate le ovaie e così è come se fosse andata in una sorta di menopausa precoce.In quegli anni (1977)ancora non si parlava di prevenzione e ancora meno di osteoporosi e quindi non ha messo in atto nessun tipo di cura ormonale.
Fino al 1993, quando da esami del sangue ora non sò con precisione ..è emerso che aveva in atto da tempo un processo degenerativo dell'osso e che quindi ,testuali parole, "All'età di 45 anni ha le ossa di una vecchietta di 80 anni".Da quel giorno a parte il crollo psicologico che ha avuto , ha iniziato una cura d'urto per cercare almeno di arrestare il calo osseo. Elenco i principali farmaci che ha preso dal 1993 a oggi:

Punture di DIFOSFONAL 100(Disodio Clodronato) + Cerotti ESTRADERM TTS 50 (cambiati poi con FETSEVEN50)+ FARLUTAN (o DRONAL) + Dal 1999 al 2001anche OSSIN (medicinale presente solo all'estero, Svizzera per la precisione, con principio attivo Floruro di Sodio 40 mg).

Dal 2001 il ginecologo le ha eliminato il DIFOSFONAL e al momento attuale la cura è:
EVISTA 60 mg (Raloxifene cloridrato)+
OSTRAM D3 (fosfato di Calcio 3.30 g + Vitamina D3 [800 UI])
L'iter della MOC è stato questo :
anno 1999-->0,805 BMD g/cm2
anno 2000-->0.833
anno 2001-->0.874
anno 2002-->0.857

Due settimane fà, alla consueta mammografia annuale, le è stato diagnosticato un linfonodo sospetto e ora sarà sottoposta all'iniziale asportazione del "LINFONODO SENTINELLA".
La dottoressa che le ha fatto ques'ultima mammografia le ha detto di interrompere immediatamente la cura per l'osteoporosi (niente più EVISTA) perchè dice che può essere dipeso da quello.Ma ora io mi domando se c'è una cura aleternativa che eviti ,se così è stato, il ripresentarsi in futuro dialtri probelmi al seno, o se dovrà perennemente convivere con questo rischio ,perchè la cura per l'osteoporosi non potrà mai interromperla? Potreste consigliarci qualche centro all'avanguardia?
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

R: Gentile signora,
direi che Sua madre dovrebbe assolutamente sospendere l'EVISTA, in quanto
pericoloso per eventuali problemi al seno.
La cosa migliore sarebbe tornare al DIFOSFONAL o, se le condizioni dello
stomaco lo permettono, passare alla somministrazione per bocca di
ALENDRONATO, associandolo però all OSTRAM D3.


D: Ho 48 anni e sono da sei anni in menopausa con problemi di osteoporosi che curo con l'assunzione di Dronal 70 mg.
Da circa un anno soffro di dolori che partono dalla base della nuca e si irradiano al trapezio con intorpidimento della zona del collo e delle spalle. Lamento in concomitanza anche formicolio alla parte centrale della schiena in corrispondenza della spina dorsale.
Trovo sempre difficoltà a muovere il collo sia a dx che a sx.
Sono alta 1.70 e peso 56 kg Pratico nuoto tre volte la settimana, ginnastica giornalmente ed altre attività aereobiche.
Periodicamente alla situazione dolorosa sopra esposta si associano cefalea e nausea che si risolvono solamente con il riposo a letto.
Da esami effettuati in data 30.8.99 si è riscontrato:
Rachide cervicale:Rettificata si presenta la lordosi cervicale e conservati in altezza gli spazi discali.
Rachide lombo sacrale:Indagine sotto carico con rachide lombare in asse, ridotto in altezza lo spazio discale compreso tra L5-S1.
Ho provato massaggi, reflessologia del piede ed agopuntura ma i benefici sono stati momentanei.
Saprebbe consigliarmi per risolvere od almeno alleviare i problemi del collo e delle spalle?
Nel ringraziarLa anticipatamente la saluto cordialmente.

R: Tenterei con dei cicli di ginnastica posturale, laserterapia e manipolazioni della colonna cervicale.
Mi faccia sapere i risultati e se ha dei miglioramenti.


D: Ho 53 anni e da dieci anni a questa parte ho avuto modo di notare un lento ingrossamento del malleolo destro che finisce con uno spuntone che mi ha iniziato a creare dei notevoli problemi con dei tipi di calzature.
In specialmodo nei periodo invernali con scarponcini e con gli scarponi da sci e chiaramente con qualsiasi tipo di calzatura che vada a interferire nella zona del suddetto malleolo.
Vorrei sapere se è possibile asportare parte dell'osso che, all'atto dello sfregamento sulla parte alta delle suddette calzature, infiammandosi, mi provoca notevoli dolori in tale zona .
Ringrazio anticipatamente.

R: per darLe una risposta avrei bisogno di visionare le radiografie del suo malleolo.
Può inviarle quando vuole.

D: Ho 55 anni e da quando ero ragazza soffro di psoriasi localizzata ai gomiti e nuca. Ho sempre cercato di curarla, ma con esiti negativi. Ho sentito parlare di artrosi psoriasica e visto che da un anno circa avverto forti dolori alle articolazioni e ho un mignolo deformato, vorrei un consiglio su cosa fare ed eventualmente se esiste un centro specializzato.

R: L'artrite psoriasica è distinta in una forma con sintomatologia alle piccole articolazioni e una forma con sintomatologia alla colonna e al sacro. Nel suo caso potrebbe trattarsi della prima delle due forme, essendo colpito il mignolo, comunque consideri che l'artrite psoriasica si presenta con le caratteristiche di una artrite "acuta" cioè con tumefazione, dolore, arrossamento ed aumento della temperatura delle articolazioni colpite, procede poi con periodi di remissione e riacutizzazione a cui può seguire anchilosi (blocco anatomico) delle articolazioni colpite. Se i dolori articolari che lei lamenta non sono mai stati associati a fenomeni di tipo "acuto" è più probabile che si tratti di artrosi piuttosto che di artrite. Comunque valuti l'opportunità di una visita specialistica ortopedica o internistica.

D: Ho 37 anni ed ho scoperto da poco tempo di soffrire di osteoporosi; a seguito di fastidiosi dolori alla schiena ho fatto una radiografia, subito dopo aver partorito pochi mesi addietro. Pare che io non possa curarmi per almeno due/ tre mesi, periodo dedicato all'allattamento. Due pediatri su tre mi hanno detto che non può ancora assolutamente curarsi, mentre uno ha detto che al bambino l'assunzione di una cura di calcio non può assolutamente nuocere. Cosa ci consiglia?

R: Converrebbe innanzitutto quantificare con una M.O.C. l'eventuale presenza di osteoporosi e, prima di ogni terapia, ricercare con le analisi del sangue la causa della eventuale perdita di calcio dall'osso e la quantità di esso, in quanto la terapia dell'osteoporosi non è uguale in tutti i casi e dipende naturalmente dalla causa. Consiglierei i seguenti esami: calcemia, fosforemia, fosfatasi alcalina, test di Nordin, PTH, vitamina D3, osteocalcina, FT3, FT4, TSH, calcitomia. In relazione ai risultati, lo specialista che La segue potrà prescrivere la terapia più adatta e i controlli da effettuare>.

D: Ho 18 anni e mezzo, trascrivo l'esito dell'ecografia del mio ginocchio destro che da un po' di tempo mi fa male: "L'esame ETG del ginocchio destro, condotto in comparativa con il controlaterale, si caratterizza per la presenza di una disomogenità strutturale del tendine rotuleo a livello della sua inserzione tibiale in esiti di morbo di Osgood-Slatter. Si segnala la presenza di un assottigliamento della cartilagine articolare rotulea in paramediana interna. Non si osservano versamenti articolari".

R: Le converrebbe eseguire una RX comparativa di entrambe le ginocchia in 2 proiezioni e, con la documentazione completa, sottoporsi ad una visita specialistica che possa appurare la causa del suo dolore e, di conseguenza, porre un eventuale rimedio.

D: Ho 57 anni, mi sono sottoposta ad intervento chirurgico alla mano dx perché affetta da primo dito a scatto. L'intervento non è avvenuto in regime di Day Hospital; dovrò tornare a controllo presso la struttura convenzionata dove ho subito l'intervento. Le chiedo se è normale avvertire formicolio alla punta delle dita di entrambe le mani e, inoltre, noto gonfiore nella zona sottostante la ferita e avverto dolore in tutta la zona. Non sapendo se al controllo mi toglieranno i punti, posso rifiutarmi e chiedere di ritornare in modo che decorrano 10 o 12 giorni dall'intervento come previsto?

R: Direi che il formicolio che avverte alle dita delle mani non dovrebbe essere in rapporto all'intervento subito, mentre è abbastanza frequente una zona dolente ed edematosa in caso di intervento chirurgico. Effettivamente i punti vengono rimossi dopo circa 10 giorni.

D: Ho 40 anni, sono alto 192 cm e peso 113 Kg. Non pratico sport e faccio l'impiegato. Dopo essere scivolato avvertendo dolore al piede/gamba dx, mi è stata diagnosticata una frattura obliqua al malleolo peroneale e mi è stato proposto un ricovero per un intervento. Avendo rifiutato il ricovero, mi è stata applicata una valva e mi è stato prescritto di non caricare l'arto, di assumere Aulin e di recarmi a controllo il giorno successivo. Fatto questo, l'ortopedico di turno mi ha ingessato fino al ginocchio. Rimossolo, la diagnosi è stata: applicato Air Cast; terapia carico sfiorante, uso tutore, magnetoterapia, bagni in acqua e sale e visita dopo 30 gg. Esiste un modo più veloce per ridurre il gonfiore presente nella zona del malleolo? Posso caricare (con carico sfiorante ) l'arto in presenza del gonfiore? Più o meno che quantità di sale per litro d'acqua occorre? Come mai il primo ortopedico aveva previsto l'intervento, mentre il secondo ha preferito l'ingessatura?

R: Tra i vari metodi per cercare di ridurre l'edema ci sono quelli farmaceutici (REPARIL, etc.) e fisioterapici (tipo massaggi). Nonostante la zona di edema, se le RX sono buone, il carico sfiorante è consentito senza rischi. Per quanto riguarda i bagni in acqua e sale non conosco lo scopo per la prescrizione del collega per cui non Le so rispondere. Probabilmente il primo ortopedico, vista l'obbliquità della frattura e il suo peso, avrà avuto timore che la frattura potesse scomporsi, cosa che evidentemente,per fortuna, non è avvenuta neanche con il gesso.
I tempi di recupero non sono facilmente prevedibili, ma credo che ci vorrà circa un mese dalla rimozione del tutore.

D: 5 anni or sono, per una caduta sulle scale di casa, ho subito una frattura trimalleolare al piede destro. Il primario ortopedico ritenne opportuno non operarmi, m'ingessò e mi fece restare immobile per tre mesi, con la gamba alzata su due cuscini. Al termine dei tre mesi, tolto il gesso, mi diede delle riabilitazioni e manipolazioni al collo del piede. Non le dico le mie urla di dolore! Mi accorsi che oltre ad avere ancora l'astragalo spezzato, il malleolo non si era ancora consolidato e per giunta era messo storto; la cartillagine si era notevolmente assottigliata e oltre a un versamento di sangue c'era anche una diffusa artrosi. Un altro ortopedico mi disse che avrebbe tentato una ricostruzione della caviglia, senza garantirmi però il risultato, altrimenti l'unica alternativa era l'artotresi. Accettai piena di speranza: il risultato è che sono 5 anni che urlo ancora di dolore, il piede si blocca e zoppico. Non vorrei andare in artrotesi, anche perchè chi mi garantisce che il dolore cesserà? Ho sentito parlare d'innesto di cartillagine, lo fanno anche alle caviglie o solo al ginocchio?

R: Se la situazione è questa, forse dovrebbe valutare l'indicazione all'artrodesi che ha proprio lo scopo di togliere il dolore. D'altronde l'innesto di cartilagine non è sicuramente fattibile.
Però per consigliarLa meglio avrei bisogno almeno delle radiografie recenti del collo del suo piede.

D: Ho 39 anni, sono molto dinamica e guido molto (30.000 km circa all'anno). La mia caviglia destra, quando scendo le scale, quando porto scarpe col tacco o quando la faccio roteare emette un rumore simile ad un scricchiolio grave e sordo. Il toc- toc e ' alquanto imbarazzante e vorrei sapere da cosa e' causato e come potere intervenire. Non mi provoca dolore che invece accuso alla colonna cervicale.

R: La sua caviglia "a scatto" è abbastanza comune da trovare e, in genere, è dovuta a piccoli spostamenti dei tendini in alcuni movimenti. Per ciò che riguarda la sua cervicale non posso esprimermi senza radiografie, ma mi permetta di consigliarLe di non abusare con la guida per il benessere della sua colonna vertebrale>.

D: Da sempre la postura delle mia ginocchia, quando stendo completamente la gamba è leggermente piu arcuata rispetto alla norma, (come se il ginocchio andasse piu indietro della postura nornmale). A volte, senza pensare di essere in piedi, mi metto in posizione di totale rilassatezza tendendo a spingere le ginocchia indietro: in questi casi provo una fitta a ginocchio destro ed il dolore me lo fa scattare in avanti, ma al di là di questo non ho mai avuto problemi. Di recente mi si è ripresentato il problema ma dal giorno dopo, a differenza delle volte passate, ho cominciato a sentire un leggero fastidio e dolore al ginocchio (il destro), e addirittura ad avere l'impressione che la rotula uscisse leggermente. Mi è stato parlato di una SUBLUSSAZIONE, e nell'attesa di fare le lastre ed una visita dall'ortopedico, mi ha consigliato un AIRCAST. Mi è davvero di utilità? C'è il rischio che la mia rotula esca dalla sua normale posizione? Posso risolvere il problema indossando un qualche tutore o altro?

R: L'AIRCAST per la lussazione della rotula è un ottimo tutore che impedisce proprio che la sublussazione possa ripetersi. Per evitare rischi di sublussazione durantel'equitazione le consiglierei di indossare una ginocchiera in neoprene con lo stabilizzatore di rotula. Comunque il collega ortopedico che la visiterà potrà essere sicuramente più preciso.

D: Ho 33 anni, spesso mi vengono degli atroci dolori alla zona lombare causandomi dei forti dolori anche al coccige, al punto tale che non posso assolutamente stare nè seduta nè distesa. Ho fatto un esame radiologico dal quale si evince quanto segue: "Lieve disassamento lombare sn - convesso osteofitosi marginale sul corpo della L1L2L4L5L da note lombo artrosi ridotta ampiezza dello spazio intersomatico D12-L1L1L2L4L5L con margini ossei addensati bacino simmetrico conservati rapporti articolari coxo femorali". Ho provato a fare iniezioni di Muscoril e Lisen abbinati, ho fatto anche qualche fiala di cortisone, di Voltaren, e per i dolori allucinanti del Toradol ma non risolvo granchè; anche con il Feldene il dolore non passa.

R: Effettivamente credo che la terapia farmacologica nel suo caso sia poco efficace, mentre dovrebbe sottoporsi a terapie fisiche, quali le manipolazioni, le kinesiterapie etc. della colonna lombo-sacrale: queste terapie le consiglierei a cicli. In caso di dolori acuti, le consiglierei di provare l'Orudis in fiale.

D: Ho 18 anni e mezzo, trascrivo l'esito dell'ecografia del mio ginocchio destro che da un po' di tempo mi fa male: "L'esame ETG del ginocchio destro, condotto in comparativa con il controlaterale, si caratterizza per la presenza di una disomogenità strutturale del tendine rotuleo a livello della sua inserzione tibiale in esiti di morbo di Osgood-Slatter. Si segnala la presenza di un assottigliamento della cartilagine articolare rotulea in paramediana interna. Non si osservano versamenti articolari".

R: Le converrebbe eseguire una RX comparativa di entrambe le ginocchia in 2 proiezioni e, con la documentazione completa, sottoporsi ad una visita specialistica che possa appurare la causa del suo dolore e, di conseguenza, porre un eventuale rimedio.

DOMANDA
...sono di sesso maschile ed ho 58 anni. Da circa un anno due dita della mano sinistra hanno subito una leggera deformazione con lieve dolore quando le sollecito. Ho appreso dai giornali e dalla TV che un farmaco denominato DONA il cui principio attivo è la glucosamina solfato sembrerebbe efficace se non per la guarigione almeno per l'arresto della patologia in parola. Vorrei un Suo autorevole parere in proposito.

RISPOSTA
...posso confermare che la glucosamina si è rivelata efficace nel ritardare l'insorgenza e nel rallentare l'aggravamento dell'artrosi, anche se non nell'arrestarla completamente. Va' pero' aggiunto che questa sostanza deve essere assunta per periodi molto lunghi e a cicli ripetuti. Resta pero' da stabilire, e dalla sua lettera non è possibile farlo, se la causa dei suioi problemi è realmente l'artrosi o qualche altra forma di artrite deformante delle mani. Colgo l'occasione per salutarla dr. Filippo Corsi.

DOMANDA
...soffro di mancanza d'equilibrio da un anno e 3 mesi, ho contattato senza esito un otorino, il quale ha curato una sospetta labirintite, cambiando medicinali, senza esito. Successivamente contattato un neurologo, mi ha prescritto un medicinale per l'ansia, il Frontal, senza risultati: pensavo che un ortopedico fosse piu' competente a risolvere il problema. Soffro di sordità profonda dall'età di 7 anni, ma questo mio stato non mi ha mai dato problemi del genere, aggiungo di aver perso l'udito in seguito a somministrazione di antibiotici assunti da bambino (ho 46 anni) che erano composti da streptomicina.

RISPOSTA
...il consiglio in prima istanza di eseguire la radiografia della colonna cervicale, con proiezioni antero/posteriore, latero/laterale e le oblique.

DOMANDA
...ho subito un intervento di ricostruzione LCA (che mi sono rotta giocando a basket) con semitendinoso e gracile. Ho sentito parlare, per quanto riguarda la riabilitazione, di "lavoro isocinetico". Di che cosa si tratta? Cosa devo fare per poter riprendere a giocare a basket a livello agonistico il più presto possibile?

RISPOSTA
...fondamentale dopo la ricostruzione dei legamenti del ginocchio è proprio la riabilitazione dello stesso, basata proprio sugli esercizi isocinetici ma anche sul potenziamento muscolare. Infatti la ripresa precoce della sua attività agonistica dipende proprio dall'impegno e dalla volontà di eseguire una riabilitazione più scrupolosa possibile.

DOMANDA
...dopo essere scivolato avvertendo dolore al piede/gamba dx, sono stato accompagnato al pronto soccorso dove mi è stata diagnosticata una frattura obliqua al malleolo peroneale e mi è stato proposto un ricovero per un intervento. Essendo sabato e quindi non in condizioni di subire l'intervento, dopo aver ricevuto rassicurazioni circa la non urgenza dell'intervento, ho rifiutato il ricovero, per cui mi è stata applicata una valva e mi è stato prescritto di non caricare l'arto, di assumere aulin e di recarmi a controllo il martedì successivo.Il giorno 22/5 mi sono recato a controllo e dopo i relativi rx, l'ortopedico di turno mi ha gessato fino al ginocchio. Il giorno 29/5 dopo ulteriori rx la diagnosi è stata frattura in via di consolidamento. Il giorno 19/6 mi è stato rimosso il gesso e dopo rx la diagnosi è stata :  clinicamente molto bene; applicato Air Cas terapia: carico sfiorante, uso tutore, magnetoterapia, bagni in acqua e sale e visita dopo 30 gg. Il motivo per cui scrivo è il seguente: Esiste un modo/esercizio più veloce per ridurre il gonfiore presente nella zona del mallelo? Posso caricare (con carico sfiorante ) l'arto in presenza del gonfiore? Più o meno che quantità di sale per litro d'acqua occorre? Come mai il primo ortopedico aveva previsto l'intervento, mentre il secondo ha preferito l'ingessatura? Che tempi occorreranno perché tutto torni come prima? Ho 40 anni , sono alto 192 cm e peso 113 Kg. Non pratico sport e faccio l'impiegato. Restando in attesa di una vostra cortese risposta, colgo l'occasione per anticipatamente ringraziare e porgere distinti saluti.

RISPOSTA
...tra i vari metodi per cercare di ridurre l'edema ci sono quelli farmaceutici (REPARIL, etc.) e fisioterapici (tipo massaggi). Nonostante la zona di edema, se le RX sono buone, il carico sfiorante è consentito senza rischi. Per quanto riguarda i bagni in acqua e sale non conosco lo scopo per la prescrizione del collega per cui non Le so rispondere. Probabilmente il primo ortopedico, vista l'obliquità della frattura e il suo peso, avrà avuto timore che la frattura potesse scomporsi, cosa che evidentemente,per fortuna, non è avvenuta neanche con il gesso. I tempi di recupero non sono facilmente prevedibili, ma credo che ci vorrà circa un mese dalla rimozione del tutore.
                                                                                                                           
DOMANDA
...le vorrei brevemente sottoporre il mio caso per un parere personale, allegandoLe il dettaglio di due radiografie. Mi sono fratturato l'omero (frattura scomposta 4. prossimale omero destro) trattata chirurgicamente con intervento di osteosintesi endomidollare. Mi sono stati impiantati due chiodi-ancora di 26 centimetri con incisione d'ingresso poco sopra il gomito.Dovendo rimuovere i mezzi di sintesi ho notato nella lastra fatta al compimento dell'anno dalla frattura che la punta di uno dei due chiodi sembra sporgere fuori dall'omero, all'altezza della testa dell'omero stesso. Perché è in quella posizione strana? Non dovrebbe essere dentro? Non è che il chiodo è stato inserito male ed e' fuoriuscito dal punto di frattura? Ma allora il chiodo e' stato avvinghiato dal callo osseo ed e' rimasto completamente imprigionato? E se così fosse, come faccio a rimuoverli? Sono molto preoccupato e vorrei capire qual'è il tipo di intervento ad hoc finalizzato alla rimozione di tali chiodi,  che dovrò  prossimamente affrontare. La Prima lastra e' stata fatta 30 giorni dopo la frattura. La Seconda lastra e' stata fatta 1 anno dopo la frattura. La proiezione e' diversa rispetto alla Prima lastra ed evidenzia la posizione strana di quel chiodo.Le sarei molto grato se mi potesse chiarire la situazione.

RISPOSTA
...effettivamente uno dei due chiodi fuoriesce dalla frattura, ma direi di stare tranquillo in quanto l'intervento di rimozione non dovrebbe presentare difficoltà particolari.                                                                                                                        
DOMANDA
...da sempre la postura delle mia ginocchia quando stendo completamente la gamba è leggermente più arcuata rispetto alla norma, (come se il ginocchio andasse più indietro della postura normale), a volte senza pensarci se sono in piedi e mi metto in posizione di totale rilassatezza tendo a spingere le ginocchia indietro, a volte in questi casi provo una fitta a ginocchio destro, ed il dolore me lo fa scattare in avanti, ma al di la di questo non ho mai avuto problemi, evitavo di assumere tale posizione. 2 settimane fa è avvenuti ciò come altre volte, ma dal giorno dopo a differenza delle altre volte, ho cominciato a sentire un leggero fastidio e dolore al detto (ginocchio /il destro), e addirittura ad avere l'impressione, a seconda dei movimenti, che la rotula uscisse leggermente dalla sua normale posizione, al che io mi blocco stendo e ripiego piano il mio ginocchio e tutto sembra normale. La mia dottoressa ha parlato di una SUBLUSSAZIONE, e nell'attesa di fare le lastre ed una visita dall'ortopedico, mi ha consigliato un AIRCAST (o almeno mi sembra che così si chiami). Mi è davvero di utilità? C'è il rischio che la mia rotula esca dalla sua normale posizione? Io vado a cavallo a livello amatoriale, è da dicembre che non ci vado ma nel mese di agosto c'è la probabilità che ci vada spesso, DEVO EVITARLO? O posso risolvere il problema indossando un qualche tutore o altro? Una mia insegnante di ginnastica una volta mi disse che tendevo ad avere i legamenti lenti, questo 10/12 anni fa, il mio fastidio può dipendere da ciò? Vorrei aggiungere che ho sempre fatto attività fisica, e da 2 anni circa vado in piscina assiduamente, ho una discreta muscolatura della gamba.

RISPOSTA
...l'AIRCAST per la lussazione della rotula è un ottimo tutore che impedisce proprio che la sublussazione possa ripetersi. Per evitare rischi di sublussazione durante l'equitazione le consiglierei di indossare una ginocchiera in neoprene con lo stabilizzatore di rotula. Comunque il collega ortopedico che la visiterà potrà essere sicuramente più preciso.

DOMANDA
..la mia caviglia destra, quando scendo le scale, quando porto scarpe col tacco o quando la faccio roteare emette un rumore simile ad uno scricchiolio grave e sordo. Il toc- toc è' alquanto imbarazzante e vorrei sapere da cosa è causato e come potere intervenire. Non mi provoca dolore che invece ho alla colonna cervicale, ho 39 anni, sono molto dinamica e guido molto (30.000 km circa all'anno). Trovo questo servizio molto utile e La ringrazio per la risposta che vorrà darmi.

RISPOSTA
...le chiedo scusa per il ritardo con cui rispondo ma ho avuto alcuni problemi. La sua caviglia "a scatto" è abbastanza comune da trovare e, in genere, è dovuta a piccoli spostamenti dei tendini in alcuni movimenti. Per ciò che riguarda la sua cervicale non posso esprimermi senza radiografie, ma mi permetta di consigliarLe di non abusare con la guida per il benessere della sua colonna vertebrale.

DOMANDA
...la scorsa settimana in una banale caduta mi sono rotto il perone a circa 3/4 cm dal malleolo. Una frattura netta per cui mi è stato fatto un gambaletto gessato fino al ginocchio da tenere per 4 settimane, senza naturalmente appoggiare il piede e usando quindi le stampelle. Ho 53 anni e sono in buona forma fisica per cui penso che l'osso si aggiusterà bene. Volevo chiederle che cosa mi consiglia di fare dal momento in cui mi toglieranno il gesso. Ci sono terapie particolarmente indicate?

RISPOSTA
...il proseguimento della terapia dipenderà strettamente dal controllo radiografico della frattura e dalla situazione clinica col collo del piede immobilizzato in gesso per le 4 settimane.

DOMANDA
...sono un ragazzo di 22 anni e la mia non è una vera patologia, ma per me è un problema. Le mie gambe, sono curve, più del normale, questo non mi agevola sicuramente a camminare correttamente perché vedo che non cammino dritto come vorrei e la cosa che mi affligge di più è che per me è diventato,  un problema fisico insopportabile e vorrei poter fare un operazione, per correggere questo mio difetto. Ho provato a consultare un ortopedico, circa due anni fa, ma mi disse che non consigliava un tale intervento se non in casi estremi. Ho sentito pareri contrastanti rispetto a questa operazione, alcuni dicono che è un intervento abbastanza semplice, altri dicono che potrei peggiorare le cose. Vorrei dei chiarimenti maggiori su questo intervento, e sapere come può essere risolto questo mio difetto.

RISPOSTA
...la soluzione del suo problema è affidata unicamente alla chirurgia, ma per un parere sull'indicazione e sulle difficoltà di un intervento bisogna considerare molti parametri radiografici che Lei non mi ha fornito quali, per esempio, se la deformità è in varo o in valgo, di quanti gradi, lo stato della cartilagine articolare, etc. Le consiglierei di affidarsi alle cure e ai consigli di un ortopedico di sua fiducia senza ascoltare troppe voci per non correre il rischio di rimanere sempre più disorientato.

DOMANDA
...a mio figlio di 9 mesi, è stata riscontrata una displasia di media entità dopo il primo controllo ecografico (3 mesi di vita). Nel corso di questi mesi ha portato il divaricatore, prima uno un po' più leggero ed ora un altro definito "Milton". In data 11.06.u.s è stato sottoposto ad un nuovo esame radiologico al bacino, il cui referto è il seguente: "Anche al controllo attuale non sono sicuramente riconoscibili in nuclei cefalici femorali di ossificazione. Nella loro presumibile sede si riconosce simmetricamente la presenza di una piccola immagine tondeggiante di tenue opacità compatibile con iniziale comparsa del nucleo. Dal lato destro è lievemente irregolare il decorso della linea corrispondente all'arco cervico - otturatorio, per modica cranializzazione del femore".
I miei quesiti sono: 1) dovrà continuare a portare il divaricatore ancora fino a quando non si formano completamente i nuclei cefalici? 2) Cosa si intende per "modica cranializzazione del femore"?
 
RISPOSTA
...1) per il momento direi di si, anche se con ripetuti controlli radiografici.
2) Lieve risalita della testa femorale.
 
DOMANDA
...il mio problema è questo: soffro di dolori alla schiena e al collo con vertigini e nausea causati dalla compressione dei nervi. Sono stato da un chiropratico e mi ha detto che il problema è causato dai denti. La mia colonna vertebrale secondo i raggi è destro-convessa. La domanda è: cosa posso fare per alleviare il dolore e le vertigini? Mi può aiutare qualche sport?

RISPOSTA
...i dati che mi ha fornito sono veramente insufficienti, mancando per esempio il livello di quella che presumo sia una scoliosi, la rotazione dei corpi vertebrali, etc. In generale direi che potrebbe fare un tentativo con il nuoto, sport veramente efficace per alcuni problemi della colonna vertebrale. 

DOMANDA
...spesso e volentieri mi vengono degli atroci dolori alla zona lombare causandomi dei forti dolori anche al coccige al punto tale che non posso assolutamente stare ne seduta ne distesa. Ho fatto un esame radiologico dal quale si evince quanto segue: LIEVE DISASSAMENTO LOMBARE SN - CONVESSO OSTEOFITOSI - MARGINALE SUL CORPO DELLA L1L2L4L5L DA NOTE LOMBO - ARTRTOSI - RIDOTTA AMPIEZZA DELLO SPAZIO INTERSOMATICO D12-L1 - L1L2L4L5L CON MARGINI OSSEI ADDENSATI - BACINO SIMMETRICO CONSERVATI RAPPORTI ARTICOLARI COXO - FEMORALI. HO 33 anni e effettivamente cio mi comporta dei notevoli problemi avendo un bimbo di quasi due anni che la maggior parte delle volte devo prendere in baraccio. Ho provato a fare iniezioni di muscoril e lisen insieme, ho fatto anche qualche fiala di cortisone, delle voltare, e per i dolori allucinanti del toradol ma gentile dottore non è che risolvo molto, ho fatto anche delle feldene, ma dottore, il dolore non passa che posso fare che mi consiglia specie ora che devo andare in vacanza, la mia paura è di rimanere bloccata nel bel mezzo dell'estate. Mi consiglia qualche terapia d'urto immagini che con le toraldol il dolore non passa è mai possibile??? c'è qualcosa di ancora più forte.

RISPOSTA
...effettivamente credo che la terapia farmacologica nel suo caso sia poco efficace, mentre dovrebbe sottoporsi a terapie fisiche, quali le manipolazioni, le kinesiterapie etc. della colonna lombo-sacrale. Queste terapie le consiglierei a cicli, cominciando naturalmente dal prossimo autunno. Nel frattempo, in caso di dolori acuti, le consiglierei di provare l'orudis in fiale.

DOMANDA
...esiste un modo/esercizio più veloce per ridurre il gonfiore presente nella zona del mallelo? Posso caricare (con carico sfiorante ) l'arto in presenza del gonfiore? Più o meno che quantità di sale per litro d'acqua occorre? Come mai il primo ortopedico aveva previsto l'intervento, mentre il secondo ha preferito l'ingessatura? Che tempi occorreranno perchè tutto torni come prima? Ho 40 anni, sono alto 192 cm e peso 113 Kg. Non pratico sport e faccio l'impiegato.

RISPOSTA
...il quesito che lei pone è di competenza specialistica ortopedica (per quello che riguarda il consolidamento della frattura) e fisiatrica (per quello che riguarda la riabilitazione ed il recupero funzionale). Posso dirle comunque che non sempre esiste un modo di agire "codificato" per ogni caso clinico e la terapia, in questo caso intervento o ingessatura, va decisa al momento secondo le condizioni traumatiche e la fisiologia del paziente. Posso supporre che il primo ortopedico abbia proposto l'intervento perchè, essendo lei di corporatura robusta (il suo BMI calcolato dividendo il peso per l'altezza al quadrato è di 30,65) ha pensato che una stabilizzazione chirurgica avrebbe favorito un più pronto consolidamento, comunque lei deve valutare ora l'effettiva risposta clinica al pregresso trauma: se la frattura risulta ben consolidata, se la funzionalità dell'arto è in ripresa, se sente ancora dolore al movimento, etc etc. Calcoli che dopo una immobilizzazione prolungata (da gesso) anche i muscoli della gamba possono risultare in qualche modo ipotrofici e che il recupero funzionale completo può necessitare anche di alcune settimane dalla rimozione del gesso. Pertanto la cosa migliore sarebbe a questo punto consultare un Fisiatra (spec. in medicina fisica e riabilitazione) che potrà studiare il ciclo di fisioterapia più adatto al suo caso.

                                                                            

 

Sono graditi commenti: redazione@italiasalute.it
tvgaderummet.info
Via G.Calderini 68, 00196 Italy
TEL.  (06) 32.65.25.00