Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 17

Risultati da 1 a 10 DI 17

20/05/2015 11:30:00 Scoperta effettuata da un team italiano

Molti tumori al seno sono sensibili all'acido retinoico
L'acido retinoico potrebbe rivelarsi efficace nella cura dei tumori al seno. Lo dimostrano i risultati pubblicati sull’autorevole rivista internazionale EMBO Molecular Medicine di uno studio, finanziato dall’Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro (AIRC), che dimostra che circa il 70% dei modelli cellulari di carcinoma della mammella di tipo luminale, il gruppo più diffuso, e in particolare i tumori caratterizzati da positività al recettore degli estrogeni, risultano sensibili ... (Continua)

07/07/2014 14:25:00 Scoperta italiana per il trattamento del carcinoma della tiroide
La molecola che uccide le cellule tumorali «ubriacandole»
Un gruppo di ricercatori della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, guidati da Maria Grazia Borrello dell’Unità meccanismi molecolari del Dipartimento di oncologia sperimentale e medicina molecolare, ha identificato in laboratorio una piccola molecola in grado di distruggere le cellule tumorali nel carcinoma papillare della tiroide, il più comune dei tumori della tiroide.
Lo studio, finanziato dall’AIRC, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Oncotarget e ... (Continua)
14/03/2014 11:22:28 L'ormone dell'amore contrasta il disturbo

L'ossitocina arruolata contro l'anoressia
L'amore potrebbe essere lo strumento ideale per scardinare le resistenze psicologiche presenti nelle ragazze affette da anoressia. Nello specifico, una ricerca coreana suggerisce l'utilizzo dell'ossitocina, denominata appunto “ormone dell'amore” perché prodotto durante i rapporti sessuali, il parto o l'allattamento al seno.
L'ormone sarebbe in grado di modificare in senso positivo la tendenza all'anoressia, stimolando il consumo di cibi ipercalorici e la preferenza di modelli estetici più ... (Continua)

24/12/2013 10:02:45 Due ricerche sottolineano i vantaggi di un antinfiammatorio

Aids, speranze da un farmaco per l'epilessia
Un farmaco ideato per combattere l'epilessia sarebbe efficace in caso di infezione da Hiv. A dirlo sono due ricerche pubblicate sulle riviste scientifiche più note al mondo, Science e Nature. Secondo quanto riportato, il farmaco sperimentale ideato come antinfiammatorio in caso di epilessia riuscirebbe in qualche modo a bloccare la diffusione del virus Hiv nell'organismo.
Una delle ricerche è stata condotta dal dott. Warner Greene dell'Istituto Gladstone di San Francisco ed è partita ... (Continua)

21/02/2012 La tecnica dell'origami a Dna per “suicidare” le cellule corrotte

Un nanorobot spinge le cellule cancerose al suicidio
Un nanorobot che induce le cellule tumorali a suicidarsi. È la prospettiva ventilata da una ricerca della Harvard University apparsa su Science che descrive l'azione di un dispositivo robotico costruito sulla base del principio dell'origami a Dna. Il dispositivo sarebbe in grado di identificare particolari obiettivi e di spedire istruzioni molecolari specifiche.
Il nanorobot è opera di un team di ricercatori guidati da Shawn Douglas, Ido Bachelet e George M. Church. Questa sorta di ... (Continua)

15/02/2012 Stessi effetti del morbo della mucca pazza ma maggior tossicità

Scoperta proteina prionica supertossica
Un team di ricerca americano è autore di una scoperta importante quanto inquietante. I ricercatori dello Scripps Research Institute, in Florida, hanno infatti rivelato l'esistenza di una proteina prionica che produce lo stesso effetto neurodegenerativo del prione che causa il morbo della mucca pazza, ma con una tossicità dieci volte più alta.
Si tratta di una molecola proteica più piccola di altri prioni definiti oligomeri, ma molto più pericolosa. La ricerca, pubblicata su Proceedings of ... (Continua)

27/12/2011 13:18:01 Alla base della degenerazione non un meccanismo immunitario bensì dismetabolico

Ipotesi di malattia metabolica per sclerosi multipla
Una patogenesi simile all’aterosclerosi potrebbe essere ipotizzata anche per la sclerosi multipla, in cui il difettoso metabolismo dei grassi sarebbe centrale nel divenire della malattia. In particolare il colesterolo “cattivo” appare ancora come il protagonista principale; questa nuova chiave di lettura dei meccanismi patogenetici della malattia la si deve ad un’antropologa forense del John Jay College of Criminal Justice di New York, Angelique Corthals che ha pubblicato il modello teorizzato ... (Continua)

15/02/2011 Nuova ricerca si concentra sul tumore privo di bersagli terapeutici

Cancro al seno, si può battere anche la variante resistente
Una diagnosi di tumore al seno triplo negativo è quanto di peggio può aspettarsi una paziente. L'incidenza è del 10-15 per cento dei casi di carcinoma al seno e questo tipo di cancro rappresenta la sfida più ostica per gli oncologi perché in questo caso mancano i bersagli terapeutici fondamentali per impostare la terapia.
I tre bersagli utilizzati dagli oncologi sono i recettori per il progesterone, per gli estrogeni e per il fattore di crescita epiteliale HER2. In mancanza di essi, una ... (Continua)

04/02/2011 Scoperta base neurobiologica per la distorsione dell'immagine corporea

Sull'anoressia l'influenza dei meccanismi cerebrali
Potrebbe non essere esclusivamente psicologico il problema delle pazienti affette da . Stando ai risultati di uno studio italiano realizzato dal dott. Santino Gaudio e dal suo team di ricercatori, il cervello delle ragazze che soffrono di anoressia nervosa restrittiva mostrerebbe una vulnerabilità evidente in quelle zone che regolano la rappresentazione mentale di sé e la manipolazione delle immagini.
Ciò ... (Continua)

10/12/2004 

Il senso di colpa può portare al pensiero punitivo
Nella evoluzione di un malessere e/o di un disagio rispetto alla propria situazione, possono scattare alcuni procedimenti psicosomatici terribili e sconvolgenti che vorrei brevemente illustrare.
Nella mia esperienza di psicoterapia dinamica, ormai quasi trentennale, ho potuto osservare il seguente sviluppo inerente quel che chiamiamo ''la deriva nella malattia''.
A seguito di una situazione conflittuale che il paziente non riesce a dominare, ad esempio litigi con il partner, ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX No Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Italy
Centro medico TEL. 06 200.61.24, via Pirlo 66, 00133 Italy

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale