MAL DI SCHIENA

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Mal di schiena

Sintomi Diagnosi Terapia


I dolori alla colonna vertebrale sono un disturbo abbastanza frequente perché la schiena, lavorando continuamente durante tutto il corso della nostra vita sviluppa patologie che producono il mal di schiena.
Prova gli Esercizi contro il Mal di Schiena
La colonna vertebrale è un insieme di oltre trenta ossa che sostengono tutto il corpo e che lo rendono mobile e flessibile. A queste ossa, esattamente chiamate vertebre, sono collegati legamenti e muscoli che ci permettono di effettuare tutti i movimenti e di assumere le più articolate posture. La colonna vertebrale si divide in: cervicale (sette vertebre), dorsale (dodici vertebre), lombare (cinque vertebre), sacrale (cinque vertebre) e coccige. Al suo interno, propriamente denominato "canale vertebrale", scorre il midollo spinale. Le vertebre sono separate l'una dall'altra da dischi intervertebrali, veri e propri cuscinetti che evitano l'attrito di queste ossa tra loro e ammortizzano i movimenti. Il disco intervertebrale è costituito da un nucleo polposo (formato per il 90% da acqua) e da un anello fibroso esterno che lo contiene. La struttura del disco funge da ammortizzatore. La colonna vertebrale ha quattro deviazioni fisiologiche (cervicale, dorsale, lombare e sacro-coccigea) che permettono carichi dieci volte superiori rispetto a quanto potrebbe sostenere una struttura rettilinea. La pressione che i dischi subiscono dipende chiaramente dalla posizione: è minima in posizione orizzontale, intermedia in posizione verticale e massima quando si è seduti o si è piegati in avanti sorreggendo con la mano un peso che sposta ulteriormente il baricentro. I dischi sono pressoché privi di innervazione; questa condizione da un lato permette di muoversi senza avvertire dolore, dall'altro però non consente di accorgersi delle degenerazioni discali, se non quando la situazione è ormai molto grave.

Sintomi

Il più noto dei mal di schiena è il famoso "colpo della strega" che arriva intenso ed improvviso nella parte inferiore mentre si sta spostando un peso. Altre volte invece avvertiamo un fastidio, spesso insopportabile che passa soltanto se assumiamo la posizione orizzontale. Poiché il peso del corpo si è scaricato soprattutto sulla zona lombare, lo stato di sofferenza e i dolori che ne derivano vengono definiti "lombalgia". Nel 90% dei casi questi disturbi guariscono spontaneamente nell'arco di un mese circa, altre volte invece il dolore si cronicizza ripresentandosi periodicamente. Con il passare degli anni il disco perde progressivamente acqua (la diminuzione della statura con l'invecchiamento è dovuta soprattutto alla diminuizione del volume dei dischi) a causa di processi degenerativi che interessano i mucopolissaccaridi incaricati di trattenere l'acqua garantendo l'elasticità della struttura. Tale processo degenerativo a carico dei dischi viene definito condrosi, quando invece sono interessate anche le vertebre siamo in presenza di osteocondrosi. L'osteocondrosi coinvolge anche il sistema nervoso spinale provocando dolore (una percentuale di circa il 10% dei pazienti presenta una grave invalidità). Il processo degenerativo può provocare anche altre patologie come la spondiloartrosi, cioè la degenerazione delle articolazioni intervertebrali poste dietro ai dischi. La patologia classica dei dischi intervertebrali è l'ernia del disco. In seguito alla diminuzione del contenuto acquoso del disco (a settant'anni ci può essere una riduzione anche del 10% della quantità d'acqua), le vertebre si avvicinano; allora come reazione alla nuova situazione il disco cerca di trattenere più acqua e si gonfia (protrusione discale), anche non avendo più le strutture perfettamente integre per poterla contenere. Nel caso in cui il nucleo polposo si rompa, non si verifica l'ernia, ma se invece è l'anello a creparsi, in seguito alla pressione del nucleo interno, allora avviene il prolasso, cioè un'ernia costituita dai materiali derivanti dalla rottura. Quando questi materiali entrano in contatto con innervazioni il paziente sente dolore.

Diagnosi

È necessario comprendere perché sia iniziata la lombalgia sia per evitare la cronicizzazione che le recidive e successivamente individuare la provenienza del dolore che può manifestarsi in zone e in modi diversi. Generalmente il medico chiede se è "localizzato", cioè se si avverte in punti precisi, probabilmente quelli in cui si è creata una lesione, o se è "diffuso", è in questo caso che forse ha origine da un tessuto più profondo; può chiedere se si irradia lungo la gamba, come nella sciatica, o se è collegato con qualche altro disturbo, per esempio intestinale; e sia quindi un dolore "riferito", che può essere determinato da un disturbo che interessa l'intestino, o da una colica di fegato, o dalla degenerazione di un disco intervertebrale. In quest'ultimo caso il dolore si irradia anche alla gamba. Può succedere che il dolore si presenti immediatamente dopo o nelle 24 ore successive a uno sforzo o a un movimento scorretto. Per accertarne le cause sarà necessario un esame radiologico.

Terapia

In caso di mal di schiena, la prima regola è il riposo a letto, possibilmente su un materasso reso rigido da una rete ortopedica o adagiato su una tavola di legno; bisogna rimanere distesi sulla schiena, con le ginocchia flesse e sostenute da due cuscini, oppure ci si può adagiare su un fianco con le gambe piegate. Se il mal di schiena è molto acuto e si è verificato dopo uno sforzo, magari dopo aver sollevato un oggetto pesante, si tratta del ben noto "colpo della strega", una contrattura violenta dei muscoli che si trovano in prossimità delle vertebre. In questo caso, si avverte un forte dolore e si rimane bloccati nella posizione: la difficoltà a ritornare in posizione eretta è dovuta all'intensità del dolore stesso e alla paura di peggiorare la situazione. Molti soggetti, però, tentano ugualmente di raddrizzare immediatamente la schiena rendendo in questo modo più acuta la sensazione dolorosa perché i muscoli, già dolenti e contratti, sono sottoposti a ulteriori movimenti. In questi casi è consigliabile rimanere piegati e cercare di raggiungere, mantenendo sempre questa posizione, il divano o il letto sul quale potersi distendere. Solo dopo aver scaricato il peso del corpo dalla colonna vertebrale, si può tentare di raddrizzare la schiena attraverso movimenti molto lenti e respirando profondamente. Il riposo a letto dovrebbe durare almeno due giorni; se è proprio indispensabile alzarsi è bene farlo con molta attenzione, mettendosi prima a sedere sul letto, quindi facendo scendere lentamente le gambe fino a toccare con i piedi il pavimento e sollevandosi in piedi pian piano, sorreggendosi con le mani al bordo del letto. Insieme al riposo il medico prescriverà i farmaci più adeguati. Certamente non mancheranno gli antidolorifici, che agiscono sul centro nervoso deputato alla percezione del dolore e impediscono al nostro organismo di avvertire il dolore. Agli antidolorifici il medico affiancherà quasi certamente degli antinfiammatori per ridurre l'infiammazione delle radici nervose irritate. Questi farmaci si assumono per via orale sotto forma di compresse o di granulati da sciogliere in acqua, a stomaco pieno; per i casi più lievi o come coadiuvanti alla terapia orale si possono applicare anche sotto forma di pomate sulla zona interessata dal dolore. Poiché il problema è lo spasmo dei muscoli, il medico può consigliare anche dei farmaci miorilassanti che hanno lo scopo di far rilassare e ammorbidire i muscoli colpiti dalla contrattura. CONSIGLI PRATICI Per evitare il mal di schiena, è soprattutto necessario assumere e mantenere posture corrette: così facendo è possibile distribuire il peso del corpo più uniformemente evitando lo stiramento dei muscoli. Se si sta in piedi occorre mantenere la testa alta, con gli occhi che guardano davanti e non a terra, in modo che il collo sia eretto e il peso della testa ben distribuito su tutta la colonna; le spalle devono essere mantenute diritte. Il bacino deve essere leggermente spinto in avanti, in flessione per poter sostenere tutta la zona lombare quindi regolare meglio il lavoro dei muscoli di questa regione. Quando la schiena comincia a dolere dopo una lunga permanenza in piedi, è necessario accoccolarsi sulle gambe: così facendo i muscoli della colonna lombare si potranno allungare e distendere. Quando si cammina, occorre mantenere la postura appena descritta ed evitare, per le donne, di indossare scarpe con tacchi superiori ai 5 centimetri di altezza. Stare seduti in modo scorretto può essere fonte di dolori alla schiena: la scrivania o il tavolo da lavoro non devono essere né troppo alti né troppo bassi, per non costringere a inclinazioni in avanti o indietro; la sedia dovrebbe essere regolabile in altezza, per consentire ai piedi di poggiare bene in terra, e dovrebbe avere uno schienale leggermente curvo all'altezza della regione lombare della colonna vertebrale. In commercio si trovano anche degli sgabelli dotati di un supporto per le ginocchia: permettono di assumere una postura che fa scaricare il peso corporeo direttamente sulle gambe e non sulla schiena. Chi studia o legge a lungo dovrebbe poggiare il libro su un leggio; chi sta per molto tempo davanti a un computer dovrebbe sistemare il monitor a un'altezza tale da poter tenere la testa in una posizione comoda. In ogni caso, chi mantiene a lungo la stessa posizione è bene che si interrompa ad intervalli regolari alzandosi dal tavolo e camminando, stirando le braccia e allungando la schiena all'indietro. Infine bisogna ricordare che quando si solleva un oggetto pesante si devono flettere le ginocchia e alzarsi facendo lavorare i muscoli delle gambe. Anche quando si deve sorreggere un peso è importante tenere le braccia vicine al corpo per non far tendere troppo i muscoli degli arti superiori che trasmetterebbero questa tensione ai muscoli e ai legamenti della colonna vertebrale. GINNASTICA Per prevenire le lombalgie o le loro recidive, la cosa migliore è eseguire una ginnastica appropriata, fatta di esercizi mirati, non troppo faticosi, che permettano di rinforzare i muscoli dorsali e addominali per renderli elastici e più resistenti a eventuali sforzi. Seppure la causa del mal di schiena non è dovuta a un trauma, ma alla degenerazione di un disco o a una malattia articolare, svolgere un'attività fisica dolce, come passeggiare, nuotare o eseguire semplici esercizi di ginnastica, dando così maggior vigore alla muscolatura e ai legamenti connessi alle vertebre, eviterà l'aggravarsi della condizione.

Il mal di schiena da palestra

Il mal di schiena da palestraColpisce un giovane su cinque

A volte lo sport fa male. La conferma arriva dai numeri che riguardano i giovani italiani che frequentano abitualmente le palestre. Stando ai dati, uno su cinque soffre della sindrome delle faccette articolari (o sindrome faccettale) [...]

Il mal di schiena da ora legale

Il cambio dell'orario raddoppia il rischio

Torna l'ora legale e aumenta il rischio di mal di schiena. Sembra un'associazione curiosa, eppure dormire un'ora in meno nella notte fra sabato e domenica porterà a un aumento del rischio di alzarsi dal letto con il riacutizzarsi di dolori cronici come il mal di schiena.
Meno sonno significa [...]

Il mal di schiena accorcia la vita

Pubblicate le nuove linee guida sulla lombalgia

Oltre al dolore, la beffa. Secondo uno studio dell'Università di Sydney, infatti, chi soffre di mal di schiena avrebbe una probabilità maggiore del 13 per cento di morire prematuramente.
Lo studio, pubblicato sullo European Journal of Pain, ha esaminato la prevalenza di mal di schiena in [...]

Mal di schiena, i farmaci non funzionano

Mal di schiena, i farmaci non funzionanoAntinfiammatori e steroidi sono quasi del tutto inutili

Chi soffre di mal di schiena cronico non può affidarsi ai farmaci, e se lo fa non si aspetti grandi risultati. È impietosa la conclusione di uno studio apparso su Annals of the Rheumatic Diseases a firma di ricercatori del [...]

Il mal di schiena non fa sconti a nessuno

Il mal di schiena non fa sconti a nessunoL'80 per cento della popolazione ne soffre

Una vera e propria epidemia. Il mal di schiena colpisce quasi l'intera popolazione. 8 persone su 10 lo hanno sperimentato almeno una volta nella vita. Ne abbiamo parlato con Roberto Delfini, docente di Neurochirurgia [...]

L'ossigeno-ozono terapia per la lombalgia da ernia discale

L'ossigeno-ozono terapia per la lombalgia da ernia discaleI risultati di uno studio condotto da ricercatori italiani

I pazienti affetti da lombalgia da ernia discale e trattati con ossigeno-ozono terapia hanno mostrato, statisticamente, una significativa riduzione del dolore (NRS) con un recupero allo svolgimento delle [...]

C'è anche un mal di schiena da relax

I rischi dell'estate per il benessere della schiena

Con l’estate e il caldo aumenta la lombalgia. Sbalzi di temperatura, colpi d’aria, aria condizionata, cambio di letto possono essere solo alcune cause. Ma attenzione anche all’attività fisica improvvisata e, altra faccia della medaglia, il tanto desiderato relax. Il professor Alessandro Napoli, docente [...]

Mal di schiena, i 9 rimedi per alleviarlo

Mal di schiena, i 9 rimedi per alleviarlo

La neurostimolazione è una soluzione senza effetti collaterali

L'80% della popolazione adulta ne ha sofferto almeno una volta nella vita. Colpisce uomini e donne in egual modo ed è la causa più comune di [...]

L'ora legale fa venire il mal di schiena

L'ora legale fa venire il mal di schiena

Un'ora di sonno in meno ha effetti negativi sulla nostra postura

L’ora legale può avere effetti negativi anche sulla postura e aggravare i sintomi da mal di schiena. Il prof. Alessandro Napoli, docente [...]

Fisioterapia fondamentale per la lombalgia

Fisioterapia fondamentale per la lombalgia

Esercitare regolarmente i muscoli aiuta a ridurre dolore e disabilità

Per la cura della lombalgia non si può prescindere dall'esercizio fisico assicurato dalla fisioterapia. Lo dice una revisione Cochrane che [...]

Il mal di schiena ha a che fare con l'evoluzione

Il mal di schiena ha a che fare con l'evoluzione

In molti casi le spine dorsali non si sono evolute correttamente

Se la schiena è da tempo il vostro cruccio potreste trovare una spiegazione al dolore avvertito nella teoria dell'evoluzione. Proprio [...]

Il fumo causa danni alla schiena

Il fumo causa danni alla schiena

Reazione del cervello al dolore e danni al Dna dei dischi intervertebrali

Una cattiva abitudine che non finisce di stupire per i suoi effetti nocivi sulla nostra salute. Stiamo parlando del fumo che, oltre agli effetti più [...]

Un chip senza fili per il mal di schiena

Un chip senza fili per il mal di schiena

Impiantato a Como, per la prima volta in Italia, un neurostimolatore wireless

Da oggi basterà un semplice intervento di mezz'ora per dire addio a dolori alla schiena e alle gambe che si trascinano da anni. Al Barolat [...]

La coppettazione per il mal di schiena

La coppettazione per il mal di schiena

Tecnica che si basa sul principio del sottovuoto

Dall'antichità un possibile rimedio per il mal di schiena. Si tratta della coppettazione, tecnica la cui origine si perde nei secoli ma riportata [...]

Mal di schiena, la suola fa la differenza

Mal di schiena, la suola fa la differenza

Le migliori restano quelle basse

Per ridurre i fastidi legati al mal di schiena si provano tante soluzioni diverse. Una di queste è l'utilizzo di suole che sembrano studiate [...]

Mal di schiena, acqua e sale la soluzione più semplice

Mal di schiena, acqua e sale la soluzione più semplice

Soluzione fisiologica più efficace degli steroidi

Davvero semplice la soluzione escogitata da un gruppo di ricercatori statunitensi per mettere a tacere il mal di schiena. Secondo [...]

Come godersi l’estate senza rimetterci la schiena

Come godersi l’estate senza rimetterci la schiena

Aria condizionata e viaggi mettono sotto stress la schiena

La quota più rilevante di chi soffre di mal di schiena non presenta patologie vere e proprie, ma “subisce” situazioni indirette, e [...]

Rischio spondilite quando il mal di schiena è persistente

Rischio spondilite quando il mal di schiena è persistente

Se di natura infiammatoria potrebbe trattarsi di patologia reumatica

A volte un mal di schiena persistente può nascondere la presenza di una patologia infiammatoria di tipo reumatico. Se ne è [...]

Un intervento su misura per il mal di schiena

Un intervento su misura per il mal di schiena

Approccio intelligente per il trattamento della lombalgia

Si è svolto ieri, presso la Fondazione Ca’ Granda Ospedale Policlinico di Milano, un avveniristico intervento chirurgico alla colonna [...]

Il mal di schiena si cura con l'acquagym

Il mal di schiena si cura con l'acquagym

Il potere terapeutico della pratica sportiva

Se soffrite di mal di schiena, in molti casi il ricorso ai farmaci è superfluo e quindi evitabile. Il dolore accompagna le giornate di buona [...]

Il mal di schiena dipende da una molecola

Il mal di schiena dipende da una molecola

Scoperta italiana sul ruolo svolto dalla molecola NF-kB

Tutta colpa di una molecola, o quasi. Un team di ricercatori italiani ha individuato la causa principale del mal di schiena che affligge molte [...]

Mal di schiena, plastica alle vertebre per evitare recidive

Un'iniezione di speciale cemento per prevenire le fratture

Sono le fratture uno dei rischi più concreti e frequenti dopo un intervento di trattamento della stenosi del canale spinale - patologia causata dall’età avanzata, dall’artrosi o, spesso, dalla concomitanza di entrambi i fattori -, che provoca il restringimento del canale di passaggio dei [...]

L'ozono sconfigge il mal di schiena

L'ozono sconfigge il mal di schiena

Meno dolore grazie alle iniezioni di gas

Un valido aiuto in caso di mal di schiena. Si tratta dell'ozono, gas che ci protegge dalle radiazioni ultraviolette ma che può essere anche [...]

Tecnica di ultima generazione per la scoliosi infantile

Tecnica di ultima generazione per la scoliosi infantile

Scoliosi infantile risolta grazie a un telecomando e un’operazione

Un solo intervento al posto di 15, l’eliminazione del rischio di infezioni, minor stress per bambini e famiglie. Tutto questo [...]

Problemi alla schiena per gli uomini con la borsa

Problemi alla schiena per gli uomini con la borsa

Il peso sostenuto da una sola spalla provoca disturbi alla colonna vertebrale

Occhio al borsello, potrebbe causarvi problemi alla schiena. È quanto sostengono i chiropratici della British Chiropratic Association, [...]

Mal di schiena, tecniche innovative

Mal di schiena, tecniche innovative

Al Fatebenefratelli di Milano tecniche chirurgiche mininvasive

Con l’invecchiamento della popolazione sono aumentati anche gli italiani che accusano disturbi alla colonna vertebrale. Dopo i 45 anni, il 50% degli [...]

Le fratture vertebrali curate con un palloncino

Quando la schiena fa “crack”

Presso l’Ospedale San Carlo, l’Unità Operativa di Chirurgia Vertebrale diretta dal dottor Stefano Astolfi, centro d’eccellenza per il Lazio, si trattano abitualmente le fratture vertebrali con un’innovativa tecnica chirurgica mininvasiva percutanea, riportando eccellenti risultati.
Basta spesso un [...]

Mal di schiena, i vantaggi della chirurgia mininvasiva

Nuove tecniche chirurgiche per il trattamento dei problemi a schiena e collo

Alla ricerca di tecniche sempre meno invasive e sempre più efficaci per curare e risolvere i problemi alla schiena che assillano in Italia circa 15 milioni di persone. È il tema affrontato durante l'incontro “La nuova frontiera della chirurgia vertebrale percutanea” che si è tenuto a Italy [...]

Mal di schiena, le ultime novità

Mal di schiena, le ultime novità

Un progetto di ricerca e i benefici del massaggio

Il mal di schiena è un'esperienza che chiunque ha provato almeno una volta nella vita. I più sfortunati ne soffrono le conseguenze ogni giorno o quasi. [...]

Operazione risolve patologia rara della colonna vertebrale

Operazione risolve patologia rara della colonna vertebrale

Giovane operato al Galeazzi di Milano

Un giovane può finalmente tornare a sorridere grazie a un eccezionale intervento chirurgico realizzato all'Istituto Galeazzi [...]

Consigli per dire addio al dolore cervicale

Consigli per dire addio al dolore cervicale

Sette adulti italiani su dieci l'hanno sofferta almeno una volta nella vita: è la cervicale, cioè quel dolore che colpisce il collo, le [...]

La microchirurgia Longitude per la colonna vertebrale

Tecnica mini-invasiva per il mal di schiena

Il mal di schiena può essere risolto. Addio a dolori e immobilizzazioni forzate. Assenze dal lavoro, lombalgie, difficoltà a camminare a svolgere una normale vita di relazione possono diventare solo un brutto ricordo del passato grazie alle nuove tecniche di intervento mini-invasive sulla [...]


our company

levitra 10mg rezeptfrei