EPILESSIA

Consulta centinaia di testi. Indice di tutti gli articoli Epilessia

Sintomi Diagnosi Terapia


Gruppo di sindromi caratterizzate da un'alterazione dell'attività bioelettrica cerebrale, consistente in turbe parossistiche che tendono a ripetersi episodicamente, accompagnate da diversi fenomeni motori, sensoriali, vegetativi e a carico dei processi mentali. Presenta una sintomatologia diversa in base alla sua classificazione. Si distinguono un'e. idiopatica da una sintomatica (o, con più moderna classificazione, una e. essenziale o primaria e una e. a focolaio, che presenta cioè un focus d'irritazione corticale). Nella prima la predisposizione alla crisi è presumibilmente costituzionale, nella seconda si collega a lesioni di varia origine (traumi cranici, encefaliti pregresse, tumori) dell'encefalo. Clinicamente si distinguono un'e. generalizzata, in cui la sofferenza interessa tutte le zone corticali, da una parziale, in cui la sofferenza è localizzata in un numero ristretto di aree. Tra le e. parziali merita un posto a parte l'e. psicomotrice, legata a una sofferenza del lobo temporale. L'e. generalizzata si distingue in grande male e piccolo male.

Sintomi

Inizia con una fase tonica, in cui si hanno arresto del respiro, perdita di coscienza e caduta a terra. Dopo circa trenta secondi segue la fase clonica, caratterizzata da scosse cloniche dei muscoli del volto e degli arti. Dopo qualche minuto il paziente entra in stato comatoso, da cui riemerge in qualche decina di minuti. La crisi di grande male può essere preceduta da uno stato particolare, detto aura, in cui possono essere presenti, variamente associati, fenomeni motori (p. es., scosse cloniche), allucinazioni, ecc. Nel piccolo male si ha una grande varietà di sintomi: il più tipico è l'assenza, breve perdita di coscienza della durata di pochi secondi, di cui il paziente non conserva alcun ricordo, non seguita da caduta a terra, spesso difficilmente avvertibile anche all'osservatore esterno per la sua estrema transitorietà. Si possono avere anche il piccolo male mioclonico, con brevi scosse muscolari, le crisi acinetiche, con improvvisa perdita del tono muscolare e conseguente caduta a terra, la narcolessia parossistica, con improvvisa caduta nel sonno, ecc. La sintomatologia più tipica delle e. parziali è data dalle crisi jacksoniane. Si hanno crisi jacksoniane motorie, con lesioni nella circonvoluzione frontale prerolandica, costituite da scosse cloniche in gruppi muscolari limitati controlaterali; e crisi jacksoniane sensoriali, con lesione nella circonvoluzione parietale postrolandica e alterazioni della sensibilità (anestesie e parestesie) in regioni corporee controlaterali. Come sintomi di e. parziale possono anche aversi allucinazioni, crisi vegetative, ecc. Abitualmente il paziente conserva una perfetta coscienza. Nell'e. psicomotoria, infine, si ha la presenza di automatismi motori, più o meno complessi, e un notevole abbassamento del livello di coscienza, con presenza frequente di stato confusionale. Nella diagnosi di e. è estremamente prezioso l'uso dell'elettroencefalogramma, che rivela specificamente le alterazioni dei bioritmi cerebrali.

Diagnosi

Nel formulare la diagnosi il medico cerca di ottenere il maggior numero possibile di informazioni sugli attacchi. Spesso, i pazienti non ne hanno alcun ricordo e quindi queste informazioni possono essere ottenute da testimoni. Di solito, dopo aver eseguito un esame neurologico completo, il medico prescriver un EEG per facilitare la diagnosi. È importante saper che l'EEG non sempre può confermare o escludere con certezza una diagnosi di convulsioni e che i risultati relativi vanno considerati alla luce di altri reperti clinici.

Terapia

Tra i farmaci impiegati nella terapia sintomatica delle varie forme di e.: i derivati della serie dei barbiturici, degli ossazolidinici, dell'acetilurea e le succinimmidi. Tuttavia, il trattamento dell'e. costituisce ancora oggi un serio problema medico dato che nessuno dei farmaci noti dispone interamente degli ottimali requisiti di efficacia e di innocuità. Ciò giustifica anche il corrente criterio di associare due o più farmaci riducendo proporzionalmente il dosaggio di ciascuno di essi. Il raggiungimento della terapia ottimale, oggi anche con l'impiego delle più maneggevoli e meno pericolose benzodiazepine, è più facilmente ottenibile con il monitoraggio dei farmaci, cioè con il dosaggio dei loro metaboliti nel sangue al fine di attenersi al minimo delle dosi efficaci, evitando così il più possibile le conseguenze di un uso che è obbligatoriamente prolungato. Nuove sostanze sono entrate nella terapia delle epilessie. Una di esse, il felbamato, è rivolta soprattutto alla cura delle forme più severe di epilessia infantile, la cosiddetta sindrome di Lennox-Gastaut, che può provocare fino a 200 crisi in un'ora. La sostanza sembra in grado di bloccare un'anomala eccitazione dei neurotrasmettitori cerebrali che provoca le crisi epilettiche. Altre nuove sostanze sono la lamotrigina e la gabapentina, indicate nelle forme meno gravi, e dotate di effetti calmanti sulle cellule cerebrali che in presenza della crisi reagirebbero con una sovraeccitazione. È stato infine sperimentato in Svezia un apparecchio simile a un pacemaker cardiaco, in grado di dimezzare la frequenza delle crisi epilettiche nei pazienti che non rispondono ad altre terapie. Si tratta di uno stimolatore del nervo vago, impiantato con un intervento chirurgico all'altezza del collo. Il filo elettrico, avvolto sul nervo, viene poi collegato con un congegno elettronico grosso quanto un orologio, programmato per fornire impulsi per 30 secondi ogni 5 minuti, 24 ore su 24. Nel soccorso d'urgenza a un soggetto colto da crisi convulsiva, bisogna solo allontanare eventuali ostacoli contro cui egli possa urtare per evitare contusioni; inoltre dato che la contrattura è massiva e involontaria, non va in nessun modo trattenuto perché si possono produrre fratture; lo stato crepuscolare di sonno profondo non va turbato perché coincide con un suo recupero cerebrale dall'anossia subita, da cui si riprenderà, dopo un po' di tempo, con piena lucidità di coscienza anche se non ricorderà l'accaduto (eclissi cerebrale).

Nuova scoperta sull’epilessia

Nuova scoperta sull’epilessiaIndividuata disfunzione della comunicazione tra due recettori neuronali

Un difetto di comunicazione tra due recettori presenti nei neuroni è stato osservato nel cervello di pazienti affetti da epilessia del lobo temporale, la più comune forma di epilessia focale adulta.
È il risultato di una ricerca [...]

Epilessia, il rischio di interazioni tra i farmaci

Epilessia, il rischio di interazioni tra i farmaciMolti anziani rischiano significative interazioni farmacocinetiche

Un buon numero di pazienti anziani epilettici assume combinazioni di farmaci antiepilettici (Aed) e non antiepilettici (Ned) che potrebbero provocare interazioni farmacocinetiche anche gravi.
A dirlo è uno [...]

Epilessia, cosa fare di fronte a una crisi

Epilessia, cosa fare di fronte a una crisiI comportamenti da osservare e quelli da evitare

È dura assistere a una crisi epilettica, evento che può spaventare per la sua intensità e per il senso di impotenza che produce. Tuttavia, spiegano gli esperti, nella maggior parte dei casi la crisi epilettica si risolve [...]

Dalla cannabis un rimedio per l'epilessia

Dalla cannabis un rimedio per l'epilessiaFarmaco basato sulla cannabis sembra efficace

Potrebbe presto essere commercializzato Epidiolex (cannabidiolo) per il trattamento delle crisi epilettiche associate alle sindromi di Lennox-Gastaut e di Dravet.
Ad annunciarlo è la casa farmaceutica GW Pharmaceuticals, [...]

Come trattare l’epilessia tumorale

Come trattare l’epilessia tumoraleFondamentale il trattamento nei centri multidisciplinari

Un numero molto elevato di persone colpite da tumore cerebrale sperimenta anche crisi epilettiche. La percentuale varia dal 35 al 70% e il fenomeno necessita di un approccio multidisciplinare per una cura ottimale sia [...]

Epilessia, nuova indicazione per Perampanel

Epilessia, nuova indicazione per PerampanelApprovata dall'Ema la nuova formulazione per Fycompa

Fycompa (perampanel) ha ottenuto l'approvazione EMA in una nuova indicazione per il trattamento dell'epilessia. Nello specifico, Perampanel è stato approvato per il trattamento aggiuntivo di crisi tonico-cloniche [...]

Epilessia, identificato un nuovo marcatore

Epilessia, identificato un nuovo marcatore

Ricercatori italiani scoprono un'attività elettrica cerebrale fondamentale

L'epilessia è meno misteriosa grazie a uno studio pubblicato su Scientific Report da ricercatori dell'Istituto Mario Negri di Milano. Gli [...]

Zebinix per l'epilessia

Zebinix per l'epilessia

Farmaco sicuro ed efficace nel trattamento della malattia

La sicurezza di Zebinix (eslicarbazepina acetato) risulta invariata nella pratica
clinica. I dati sono simili a quelli emersi nel corso degli studi clinici, [...]

Epilessia, un algoritmo per prevedere le crisi

Epilessia, un algoritmo per prevedere le crisi

Messo a punto da ricercatori spagnoli

Un algoritmo potrebbe aiutare pazienti e medici a prevedere con un buon margine di anticipo l'arrivo di una crisi epilettica. È il [...]

Epilessia, i più colpiti sono i bambini

Epilessia, i più colpiti sono i bambini

Il 70 per cento dei casi si manifesta prima dei 12 anni

L'epilessia riguarda in special modo i più piccoli. La malattia, alla quale l'8 febbraio verrà dedicata una Giornata mondiale, colpisce infatti [...]

Epilessia, le novità della ricerca

Gli esperti si riuniscono a Ferrara per condividere i risultati raggiunti

Nel mondo 65 milioni di persone sono affette dall’epilessia eppure per questa patologia non esistono né forme di prevenzione né strumenti di diagnosi precoce né terapie efficaci, rendendola così una malattia nella grande maggioranza dei casi del tutto incurabile.
A questo problema sociale e sanitario di grande [...]

Rufinamide per la sindrome di Lennox-Gastaut

Farmaco efficace per questa grave forma di epilessia

In un'ulteriore analisi per sottogruppi di uno studio di Fase III, Inovelon(R) (rufinamide) ha dimostrato un'efficacia favorevole come trattamento aggiuntivo dei pazienti adulti affetti dalla sindrome di Lennox-Gastaut.
La variazione mediana rispetto al basale della frequenza delle crisi era di -31,5% [...]

La proteina prionica contro l’epilessia

La proteina prionica contro l’epilessia

Impedirebbe l’insorgenza delle crisi

L’utilizzo della proteina prionica (PrP) avrebbe l’effetto di ridurre l’insorgenza degli attacchi epilettici. Lo conferma uno studio [...]

Il sistema che blocca l'epilessia sul nascere

Il sistema che blocca l'epilessia sul nascere

Sperimentato per la prima volta in Italia

Per la prima volta in Italia è stato eseguito un intervento neurochirurgico innovativo per il trattamento dell'epilessia farmacoresistente. [...]

Epilessia, scoperto un meccanismo che la rende resistente

Epilessia, scoperto un meccanismo che la rende resistente

Studio italiano fa luce sulla forma farmacoresistente della patologia

Un team di ricercatori italiani ha scoperto un meccanismo molecolare alla base del fenomeno della farmacoresistenza [...]

L'opzione chirurgica per l'epilessia

Ma in Italia si operano solo 200 epilettici l’anno

I malati di epilessia hanno enormi difficoltà familiari, scolastiche, sociali, affettive e lavorative ma spesso, dopo l’intervento chirurgico, possono tornare a vivere una vita normale.
“L’intervento chirurgico - spiega Vincenzo Esposito, primario dell’Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia [...]

Un farmaco innovativo per le assenze epilettiche

Un farmaco innovativo per le assenze epilettiche

Studio italiano apre la strada a nuove terapie

Un farmaco che agisce su particolari recettori presenti nel sistema nervoso si sta dimostrando molto promettente contro le assenze [...]

Un braccialetto per l'epilessia

Un braccialetto per l'epilessia

Rileva i primi sintomi di una crisi

Predire l'arrivo di una crisi epilettica grazie a un braccialetto. È l'idea messa in campo dalla startup Empatica, che ha realizzato un braccialetto [...]

La dieta chetogenica aiuta in caso di epilessia

L'aumento dei grassi riduce la frequenza di episodi convulsivi

In caso di epilessia difficile da trattare le buone regole alimentari vacillano. Secondo uno studio pubblicato su Neurology, infatti, l'adozione di una dieta ricca di grasso e povera di zuccheri avrebbe l'effetto di ridurre gli episodi convulsivi.
Uno degli autori dello studio, Pavel Klein del [...]

Epilessia, l'efficacia di Zonegran

Terapia tollerata anche da adulti e bambini

Una nuova pubblicazione su Epilepsia ha confermato la tollerabilità e l'efficacia di Zonegran (zonisamide) quando impiegato in monoterapia a lungo termine per il trattamento delle crisi ad esordio parziale in persone adulte con epilessia di nuova diagnosi.
Zonisamide è indicato come monoterapia per il [...]

L’olio di pesce riduce le crisi epilettiche

L’olio di pesce riduce le crisi epilettiche

L’efficacia degli omega-3 nell’epilessia che non risponde ai trattamenti

L’utilizzo di dosi modeste di acidi grassi omega-3 mostra la sua efficacia sia a livello cardiaco che cerebrale, e si rivela salutare anche [...]

Nuova tecnica per l’epilessia

Nuova tecnica per l’epilessia

Utilizzo del Brain Computer Interface propedeutico alla chirurgia

Un decisivo passo in avanti verso interventi neurochirurgici più sicuri e con minori effetti indesiderati è stato compiuto dal Centro per la Chirurgia [...]

Rischio di epilessia per chi soffre di Alzheimer

Rischio di epilessia per chi soffre di Alzheimer

I malati manifestano un'iperattività cerebrale

Essere malati di Alzheimer espone a un rischio decisamente più elevato della media di subire crisi epilettiche. A dirlo è uno studio [...]

Epilessia, le donne incinte possono assumere levetiracetam

Epilessia, le donne incinte possono assumere levetiracetam

Non compromesse le capacità cognitive e motorie dei bambini

Le donne che soffrono di epilessia si trovano in seria difficoltà quando affrontano una gravidanza, combattute fra il [...]

L'epilessia si previene con Mozart

L'epilessia si previene con Mozart

L'ascolto di un concerto specifico sembra diminuire gli attacchi

La musica classica può aiutare in caso di epilessia. In particolare, sembra che un concerto specifico di Mozart – il numero 23 – K488 – sia associato [...]

Un bisturi invisibile contro l’epilessia

Innovativo trattamento non invasivo per “tagliare” il cortocircuito elettrico

Un fascio di radiazioni spesse poco più di mezzo millimetro per tagliare le fibre nervose che all’interno del cervello trasmettono le scariche elettriche causa degli attacchi epilettici e bloccare così il propagarsi della crisi.
Si tratta di un’innovativa terapia non invasiva basata sull’uso di [...]

Epilessia mioclonica, individuato il gene responsabile

Studio italiano svela l'origine genetica della patologia

È stato individuato il gene responsabile dell'epilessia mioclonica corticale. Il risultato è opera di un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, in collaborazione con il Gaslini di Genova, il Meyer di Firenze e l’Università La Sapienza di Italy.
La ricerca, coordinata dal [...]

Un trapianto di cellule per l'epilessia

Un trapianto di cellule per l'epilessia

Funziona su modello murino la sostituzione delle cellule cerebrali

Un team dell'Università della California di San Francisco sta sperimentando un nuovo possibile approccio alla cura dell'epilessia, secondo quanto [...]

Epilessia, una giornata per fermarla

Epilessia, una giornata per fermarla

Cosa fare e non fare se si assiste a un attacco

Assistere a una crisi epilettica può creare disagio e imbarazzo. Per questo, gli esperti della Lice (Lega italiana contro l'epilessia), in occasione [...]

Nuovo farmaco per ridurre gli effetti dell'epilessia

Nuovo farmaco per ridurre gli effetti dell'epilessia

Trattamento preventivo contro i danni cerebrali indotti dalle crisi

Un gruppo di ricercatori americani ha messo a punto un nuovo composto per la riduzione dei danni cerebrali provocati da crisi [...]

Epilessia, poca conoscenza e molti pregiudizi

L'epilessia si combatte anche a scuola

Nel nostro Paese, l'epilessia conta oltre 500.000 malati, circa 30.000 casi nuovi all'anno e un'incidenza particolarmente elevata nei bambini. Tra i più piccoli, la fascia d'età più a rischio è quella sotto il primo anno di vita.
Nonostante la quasi totalità degli insegnanti conosca a grandi linee [...]

Correlazioni fra epilessia ed emicrania

Ricerca sottolinea l'esistenza di un nesso genetico

Epilessia ed emicrania condividerebbero un preciso legame genetico. A dirlo è una ricerca pubblicata sulla rivista specializzata Epilepsia da un team del Columbia University Medical Center di New York.
Lo studio, firmato dalla dott.ssa Melodie Winawer, ha preso in esame 500 famiglie, mostrando come la [...]


details

in detail