(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) risultano aumentate le famiglie microbiche che sostengono l’infiammazione a svantaggio di altri batteri, per esempio dei lattobacilli che, invece, hanno un ruolo anti-infiammatorio. Il risultato è un’infiammazione cronica che non viene corretta dai farmaci antivirali».
Anche il microbiota intestinale risulta alterato, soprattutto quando il contagio avviene attraverso rapporti omosessuali. «L’intestino diventa una specie di colabrodo – precisa Antonella D’Arminio Monforte, Direttore della Clinica di Malattie infettive all’Università di Milano - e i batteri possono entrare in circolo e dare infezioni sistemiche».
Per quanto riguarda il secondo interrogativo, anche in questo caso la risposta è affermativa. Alcuni batteri anaerobi, quelli che per sopravvivere non hanno bisogno di ossigeno, promuovono un’infiammazione locale che richiama i linfociti Cd4, i quali finiscono per essere preda dell’Hiv.
Lo studio americano, diretto da Nichole Klatt, dimostra l’influenza del microbioma vaginale attraverso un’analisi degli effetti del farmaco antiretrovirale tenofovir.
Il farmaco risulta molto più efficace fra gli uomini, e ciò dipende appunto dalla presenza, nel microbioma vaginale, di un particolare tipo di germe, la Gardnerella vaginalis, in grado di metabolizzare ed eliminare il farmaco.
«L’obiettivo adesso – conclude D’Arminio Monforte - è quello di capire se la manipolazione del microbioma, per esempio con probiotici o prebiotici, cioè con la somministrazione di determinati batteri o delle sostanze da loro prodotte, può aiutare sia a prevenire che a controllare l’infezione».
Leggi altre informazioni
09/03/2018 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante