(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di rischio per il diabete, ad esempio con precedenti di diabete gestazionale, sindrome dell’ovaio policistico, storia familiare di diabete o che semplicemente appartengano a una minoranza etnica.
Lo studio ha analizzato 3.643 soggetti che hanno partecipato ai National Health and Nutrition Examination Surveys, scoprendo che quasi la metà di essi non aveva ricevuto diagnosi di valori anomali di glucosio nel sangue. Stando ai dati, utilizzando i criteri limitati (ovvero solo il peso eccessivo e l’età), solo il 47,3% delle persone con glicemia elevata verrebbe individuato, mentre si riconoscerebbe come effettivamente normale il 71,4% delle persone che non hanno valori anomali.
L’utilizzo dei criteri espansi si rivela una scelta migliore per l’identificazione dei casi di glicemia anomala, con un tasso di riconoscimento del 76,8% delle persone affette dal problema. Tuttavia, il metodo consentirebbe di riconoscere solo il 33,8% delle persone senza anomalie.
L'uso dei criteri espansi quindi permetterebbe sì di catturare allo screening un maggior numero di persone con pre-diabete o diabete ma si tradurrebbe in ulteriori test per più individui, molti dei quali alla fine avrebbero risultati normali.
Leggi altre informazioni
05/06/2018 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante