(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di un alto livello infiammatorio era ridotta del venti per cento negli ex-tabagisti rispetto ai fumatori attuali.
Dopo quattro anni dall’inizio dell’astinenza, i livelli di proteina C-reattiva si riducevano in maniera costante, arrivando al 50% dopo 8 anni dalla cessazione rispetto a chi continuava a fumare.
«Questo studio dimostra che smettere di fumare è utile anche dopo i cinquant’anni, ma che è possibile abbattere il rischio in chi ha un alto stato infiammatorio agendo sugli altri fattori che possono ridurlo: ovvero alcuni farmaci, una dieta più sana e una regolare attività fisica», afferma Ugo Pastorino, direttore della struttura complessa di chirurgia toracica dell’Istituto Nazionale dei Tumori.
Proprio perché ci vogliono anni prima che la Pcr cominci a ridursi, è necessario smettere di fumare il più presto possibile. Il motivo per cui la riduzione prenda il via solo dopo qualche anno è probabilmente legata ad altri parametri, ad esempio il peso corporeo e la percentuale di massa grassa. Ciò dovrebbe spingere le persone ad agire su diverse componenti e a modificare in maniera complessiva il proprio stile di vita.


Leggi altre informazioni
07/01/2019 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante