(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) un medico coinvolto nella gestione dei pazienti con sindrome carcinoide, incoraggiato dall'approvazione europea di Xermelo come una nuova opzione terapeutica per questa difficile condizione da trattare». Ha aggiunto: «Grazie alla nostra esperienza di Xermelo negli studi clinici, abbiamo osservato un significativo miglioramento della qualità di vita e del benessere dei nostri pazienti. I dati positivi sulla sicurezza e sull'efficacia hanno indotto la sua rapida integrazione nelle linee guida di pratica clinica».
Secondo Teodora Kolarova, Executive Director dell'International Neuroendocrine Cancer Alliance (INCA), «la grave e imprevedibile diarrea da sindrome carcinoide ha un significativo impatto negativo sulla vita dei pazienti. Nella maggior parte dei pazienti questa condizione clinica interferisce gravemente con il loro benessere fisico e psicologico, il ruolo sociale e lo stile di vita. L'opportunità di accedere a nuovi trattamenti, informazioni e supporto è una necessità».
L'approvazione si basa sui risultati di due studi randomizzati di fase 3, TELESTAR e TELECAST.
Il tumore neuroendocrino ben differenziato (NET) è un tipo di tumore relativamente raro che nasce dalle cellule del sistema neuroendocrino. La sindrome carcinoide (CS) si verifica quando i NETs ben differenziati secernono grandi quantità di serotonina e altre sostanze vasoattive nel circolo sistemico. Normalmente, i sintomi associati a CS includono flushing cutaneo, la diarrea, il respiro affannoso, il dolore addominale e, a lungo termine, danni valvolari cardiaci. Gli analoghi della somatostatina (SSA) sono la terapia di base per il trattamento della CS e del controllo della crescita tumorale SSA, inibiscono il rilascio della serotonina da NET e sono diventati terapia di prima linea per la CS. A causa della grave morbilità della CS e della mancanza di opzioni terapeutiche sperimentate, i pazienti con CS che necessitano di un ulteriore controllo in aggiunta alla terapia SSA, rappresentano ancora oggi un importante “bisogno medico” non soddisfatto.
Xermelo è un nuovo inibitore dell’enzima triptofano idrossilasi (TPH), somministrato per via orale. Attraverso l’inibizione di TPH, viene limitata la sintesi di serotonina, pertanto Xermelo è stato sviluppato per ridurre la produzione di serotonina nei tumori neuroendocrini.

Leggi altre informazioni
20/09/2017 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


http://steroid-pharm.com

www.pharmacy24.com.ua/viagra-sildenafil/viagra-100-mg/viagra-super-active-100-mg-fildena-super-active

www.farm-pump-ua.com