(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) tirano in ballo la cucina messicana, consigliando una piccante zuppa da accompagnare con le tortillas. Forse vi passerà la sbornia, ma rischiate di mettere in crisi l'intestino. Volete provare cose più leggere? Perché non affidarsi a un buon frullato di banana da addolcire con un po' di miele. La banana aiuterà lo stomaco a ritrovare il proprio equilibrio, mentre il miele rimetterà in sesto i livelli di zucchero nel sangue.
Potete provare inoltre la soluzione adottata in Europa orientale, ovvero un succo di sottaceti. In questo caso è l'aceto a rimettervi in forze con i suoi sali minerali e la sua azione antiossidante.
Se tutto questo non vi convince, potreste affidarvi alla medicina cinese. Alcuni ricercatori della University of California di Los Angeles, infatti, hanno individuato nell'estratto della pianta orientale dell'uva passa la molecola Dhm, che pare in grado di annullare o quasi gli effetti nocivi dell'alcool.
In uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience e coordinato dalla biologa molecolare Jing Liang, gli scienziati hanno verificato su modello murino l'efficacia della molecola Dhm come scudo per l'intossicazione da alcool. I ricercatori hanno iniettato nei topi una quantità di alcool paragonabile a circa 20 birre in due ore per un essere umano, testando la loro capacità di rialzarsi in piedi. Privi della somministrazione di Dhm, ai topi erano necessari 70 minuti per ritrovare un minimo di equilibrio, mentre i loro più fortunati colleghi impiegavano soltanto 5 minuti grazie alla molecola.
Ma l'aspetto più interessante è che la molecola sembra esercitare un effetto disincentivante nei confronti del consumo di alcool. Nel corso di tre mesi di sperimentazione, i ratti ubriachi “trattati” con Dmh hanno cominciato a preferire altri tipi di bevande “liberandosi” del vizio dell'alcool. I benefici registrati venivano meno dopo la somministrazione del farmaco flumazenil, in grado di bloccare nel cervello i recettori del neurotrasmettitore Gaba. Ciò rappresenta la prova, secondo i ricercatori, che Dhm funziona perché impedisce all'alcool di accedere a questi recettori malgrado sia in circolo nel sangue.
Alcuni tuttavia fanno professione di scetticismo, come Markus Heilig, direttore clinico del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism di Bethesda, in Maryland, che ricorda come tempo fa la casa farmaceutica Roche abbia abbandonato lo sviluppo di un composto simile chiamato Ro15-4513: "la preoccupazione era che un antidoto all'alcol avrebbe incoraggiato le persone a bere di più, rassicurate dal fatto che avrebbero potuto far cessare l'effetto sbornia a comando". L'altro problema era rappresentato dagli effetti collaterali piuttosto marcati, in primis ansia e convulsioni, un rischio che tuttavia sembra essere assente in questo caso dato che il composto deriva direttamente da una pianta utilizzata da almeno cinque secoli in medicina cinese.
Leggi altre informazioni
21/12/2012 Arturo Bandini


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


Купить Камагра 100 мг

варденафила гидрохлорид

http://techno-centre.niko.ua/services/khimchistka-salona-avto/