(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dice Francesco Scopesi, General Manager di Shire Italia e Grecia. “Oltre ai benefici dati dall’emivita e dal dosaggio, l’uso di Pegaspargasi in combinazione altri agenti chemioterapici ha contribuito ad aumentare i tassi di sopravvivenza a 5 anni nei bambini. Siamo lieti di lanciare Pegaspargasi in Italia come parte del nostro impegno continuo a incrementare l’accesso a questa importante terapia in Italia e nel mondo”.
Pegaspargasi è una forma pegilata di asparaginasi, un enzima che scompone un aminoacido non essenziale nell’organismo di cui le cellule hanno bisogno per crescere e moltiplicarsi. Senza questo aminoacido le cellule leucemiche muoiono.
Come asparaginasi pegilata, Pegaspargasi è associata a un tasso di immunogenicità minore rispetto alle asparaginasi native (la percentuale media di anti-Asp Ab nella fase 1 di intensificazione del dosaggio era di 1.9 ± 0.8 (n = 47) per Pegaspargasi contro 3.0 ± 0.7 (n = 43) per le asparaginasi native nei bambini con età da 1 a 9 anni) e ha un’emivita sierica sei volte maggiore rispetto alle asparaginasi native. Inoltre, Pegaspargasi richiede una somministrazione solo ogni 14 giorni, rispetto alle tre volte a settimana delle asparaginasi native.
Tramite uno studio clinico, Pegaspargasi è stato associato a una minore ansia trattamento-correlata rispetto alle asparaginasi native, aumentando così la qualità di vita dei pazienti.

La Leucemia Linfoblastica Acuta (ALL)
ALL è un tumore del sangue che interessa i globuli bianchi ed è caratterizzato da un eccesso di linfoblasti, i globuli bianchi immaturi. I linfoblasti si trovano di norma del midollo spinale ma, nelle persone affette da ALL, possono anche trovarsi nel sangue e in altri siti. In Italia, vengono diagnosticati circa 850 casi l’anno, 400 dei quali bambini.
In Europa Pegaspargasi è indicato come componente della terapia neoplastica di combinazione per i pazienti pediatrici dalla nascita fino ai 18 anni e nei pazienti adulti con ALL. Negli USA, viene indicato per il trattamento dei pazienti con ALL di prima linea e di quelli con ALL e ipersensibilità alle forme native di L-asparaginase.
Rispetto alle asparaginasi native, Pegaspargasi è associato a un’immunogenicità significativamente ridotta, ha un’emivita sierica sei volte maggiore e richiede un dosaggio meno frequente. La sopravvivenza complessiva a 5 anni dei bambini con ALL trattati con Pegaspargasi è più del 90 per cento.
Leggi altre informazioni
22/11/2017 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante