(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) regolare la tachicardia, è solitamente consigliata per un periodo massimo di un anno e mezzo. Secondo uno studio retrospettivo giapponese pubblicato sulla rivista Thyroid, nei bambini con malattia di Graves, invece, la terapia a lungo termine con farmaci antitiroidei è efficace e ben tollerata. Come afferma Hidemi Ohye, ricercatore all’Ito Hospital di Tokyo “Il numero di remissioni aumenta con la durata del trattamento”. Ohye mette in evidenza come nel lungo periodo il metimazolo sia da preferire al propiltiouracile, altro antitiroideo associato a gravi eventi avversi. Questi consigli risultano essere in linea con le raccomandazioni dell’American Thyroid Association (Ata) e dell’American Association of Clinical Endocrinologists (Aace). Sempre secondo lo studio, l'uso degli antitiroidei dovrebbe costituire la terapia di prima scelta nei bambini con malattia di Graves, ma dal momento che le recidive sono frequenti, la preferenza verso cure più aggressive come la tiroidectomia o il trattamento con radioiodio va valutata caso per caso. Il morbo di Graves, benché raro, rappresenta la causa più comune di ipertiroidismo nei Paesi sviluppati ed ha origine da un difetto immunitario proprio di individui geneticamente predisposti. “La terapia pediatrica resta un dilemma: il passo iniziale sono gli antitiroidei, ma il tasso di remissione nei bambini è inferiore agli adulti e gli eventi avversi da propiltiouracile possono essere un problema” continua Ohye, spiegando anche che tiroidectomia e terapia con radioiodio spesso possono causare un ipotiroidismo permanente che richiede una terapia ormonale a vita.
I ricercatori hanno preso in esame, nel loro studio, il risultato ottenuto con il trattamento farmacologico con antitiroidei in 1.138 ragazzi di età inferiore ai 18 anni. E soprattutto nel caso del metimazolo, i dati raccolti garantiscono la tollerabilità a lungo termine, rivelando però allo stesso tempo che non è di alcuna utilità proseguire la terapia per oltre cinque anni. Secondo Ohye “Tali risultati dovranno essere confrontati con la qualità della vita e la prognosi di chi opta invece per il radioiodio o la chirurgia che, va ricordato, è consigliabile solo in centri di eccellenza con casistica elevata e personale competente”.

02/04/2014 Tiziana Loprete


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


http://best-products.reviews

https://bestseller-sales.com

www.progressive.ua