(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) 1 con HbA1c di partenza pari a 7,3 per cento (57mmol/mol). I ricercatori hanno messo a confronto un trattamento di 3 giorni con un pancreas artificiale (Ap) con 3 giorni di terapie gestite in modalit Sap (Sensor-augmented-pump), sistema in cui il microinfusore, oltre a infondere insulina, funge da ricevitore per le glicemie lette dal sensore e trasmesse al microinfusore con decisioni operative gestite dai genitori.
Nelle 24 ore, il pancreas artificiale ha permesso di ridurre a un terzo il periodo in ipoglicemia con una lieve, ma non significativa, riduzione del tempo con glicemia a target e con incremento della media glicemica, pari, rispettivamente, a 169 mg/dl contro 147 mg/dl, scrivono gli autori. Da questo trial, il primo effettuato con un pancreas artificiale ambulatoriale mono-ormonale in una popolazione pediatrica di questa et, emergono la sicurezza e l'efficacia dell'algoritmo Mmpc nei bambini, che tuttavia necessita di un'ulteriore messa a punto migliorativa in futuro.
Anche uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine sottolinea la possibilit di utilizzare il dispositivo sulla popolazione pediatrica.
Francesco Chiarelli, presidente della Societ europea di endocrinologia pediatrica (Espe), spiega: In Italia la diffusione di questo sistema potrebbe rappresentare una svolta terapeutica e un netto miglioramento della qualit di vita per i 12mila piccoli pazienti affetti da diabete di tipo 1.
Il trial - precisa il presidente Espe - ha preso in esame 56 pazienti (25 femmine) di et compresa tra 10 e 18 anni con una storia di malattia di almeno 1 anno, in diversi campi per diabetici per verificare la possibilit di utilizzare un dispositivo tecnologicamente raffinato anche in contesto extraospedaliero e nel real-life.
In maniera randomizzata, i ricercatori hanno somministrato la terapia con microinfusore tradizionale o quella con il pancreas artificiale. Quest'ultimo ha fatto segnare un decremento rilevante degli episodi di ipoglicemia, con livelli inferiori a 63 mg per decilitro e del periodo in cui il livello di glicemia raggiungeva valori inferiori a 60 mg/dl.
Il 75% dei casi di convulsioni notturne sono legate a episodi di ipoglicemia ai quali attribuito il 6% dei decessi tra i diabetici al di sotto dei 40 anni, spiega Chiarelli. Le dosi totali di insulina durante la notte sono state maggiori per rispondere alliperglicemia. Il pancreas artificiale non ha permesso che la glicemia salisse oltre i 180 mg/dl contro i 28 minuti in cui si verificata nel gruppo di controllo. Allo stesso modo la notte in cui era attivo il pancreas artificiale la glicemia stata alta solo per 146 minuti nel gruppo con sensore contro i 233 minuti nel gruppo controllo.
Leggi altre informazioni
19/07/2016 Andrea Piccoli


Puoi fare una domanda agli specialisti del e iscriverti alla , riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante


cialis-viagra.com.ua

topobzor.info

В интеренете нашел авторитетный портал , он рассказывает про дтк купить https://militarycenter.com.ua